Back to the index page  
  FAQ   Cerca   Lista degli utenti   Gruppi utenti   Calendario   Registrati   Pannello Utente   Messaggi Privati   Login 
  »Portale  »Blog  »Album  »Guestbook  »FlashChat  »Statistiche  »Links
 »Downloads  »Commenti karma  »TopList  »Topics recenti  »Vota Forum

[Momose] ERA R12B Hanumanll Prince B.Bira 1936 -1939 SMTS
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Made in Japan [Completed projects]
  PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
 
 MessaggioInviato: 07 Nov 2014 06:13 pm Cool [Momose] ERA R12B Hanumanll Prince B.Bira 1936 -1939 SMTS
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  diablo

Site Admin
Site Admin




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 52
Registrato: 27/09/07 20:24
Messaggi: 11325
diablo is offline 

Località: modena
Interessi: modellismo
Impiego: libero professionista
Sito web: http://www.amgmodels.it


italy

Modello assemblato da Momose: ERA R12B Hanumanll Prince B.Bira 1936 -1939 base SMTS





















Ultima modifica di diablo il 13 Set 2016 12:30 am, modificato 1 volta in totale
Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: 07 Nov 2014 06:13 pm Adv
Messaggio
  Adv









 
 MessaggioInviato: 07 Nov 2014 09:22 pm  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  Eagle

Users




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 47
Registrato: 27/09/07 20:49
Messaggi: 5978
Eagle is offline 
Media Voti Post: User is appraised 4.00 out of 5
Località: Torino

Impiego: Art director of myself presso Me and Myself
Sito web: https://www.facebook.c...


italy

Urca!

L'avantreno e le sospensioni sono qualcosa di sensazonale!
Per il resto... Ottimo lavoro davvero.

Unica nota stonata... Le griglie sul cofano. Ma va bene anche così...
_________________
https://www.facebook.com/carmodelartfanpage
Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: 07 Nov 2014 09:39 pm  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  diablo

Site Admin
Site Admin




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 52
Registrato: 27/09/07 20:24
Messaggi: 11325
diablo is offline 

Località: modena
Interessi: modellismo
Impiego: libero professionista
Sito web: http://www.amgmodels.it


italy

Max, la questione feritoie è stata discussa tante volte ...
Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: 07 Nov 2014 11:52 pm  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  lombricoferoce

Site Mod
Site Mod





Età: 69
Registrato: 31/10/10 08:40
Messaggi: 8145
lombricoferoce is offline 

Località: Piovarolo di Sopra - Adriatisches Küstenland
Interessi: Modellismo in particolare obsoleti, storia, storia dell'auto, fuoristrada
Impiego: Tecnico software/hardware
Sito web: http://www.munga.it/


NULL

Trovo queto modello veramente bellissimo. E' una Era R12B, correva nella categoria vetturette con motore Riley ....

Rolling Eyes

Tra le file dei piloti da Grand Prix e Formula 1 c'è pure un principe thailandese, nipote di re Mongkut, il suo nome è Birabongse Bhanutej Bhanubandh del Siam, meglio noto come Prince Bira. Nato a Bangkok, l'antica Krungthepmahanakhon, il 15 luglio 1914 dal Prince Bhanurangsri Sawangvongse e da Mom Lek Bhanubhandhu na Ayudhya. Il padre era figlio di re Rama IV e fratello piu' giovane di re Rama V. Ricevette la sua educazione in Thailandia fino all'età di 13 anni quando fu mandato nel Regno Unito per continuare gli studi a Eton e poi a Cambridge.

Orfano di madre, beneficiò delle ottime relazioni fra il Siam e la Gran Bretagna e venne mandato a studiare a Londra e poi nei prestigiosi atenei di Eton e Cambridge. Ancora quattordicenne, morto anche il padre, raggiunto dalla notizia delle cospirazioni che avevano costretto lo zio Re Prajadhipok ad abdicare, decise di restare in Inghilterra e si avvicinò al mondo dell'automobilismo. Complice il cugino Prince Chula Chakrabongse, che lo fece debuttare nel 1935 a Riley Imp, Brooklands, nella sua scuderia, la "White Mouse Racing", grazie alla quale l'11 aprile 1936 vinse la sua prima gara a Monte Carlo, categoria vetturette, al volante della sua "Bira Blu" una Era R12B (English Racing Automobiles).

La Hanuman R12B è stata ricostruita partendo da una C-Type nel 1937, e rinominata R12C, prima di essere venduta a Chula e Bira la chiamò "Hanuman". Tuttavia, a seguito di un grave incidente nel 1939 la vettura venne ricostruita di nuovo su uno chassis B-Type e nuovamente rinominata R12B, Bira ribattezzò l'auto "Hanuman II".
R12 è il numero di telaio C o B il tipo.
I colori sono quelli assegnati alle scuderie del Siam.

Hanuman è uno spirito dall'aspetto di scimmia è la personificazione di saggezza, brahmacharya, bhakti (devozione/fede), giustizia, onestà e forza; questo si manifesta nel suo incrollabile impegno per la giustizia, impeccabile esecuzione degli incarichi che gli sono affidati, e infallibile talento nel servire il suo padrone prescelto.

Bira vinse altre quattro gare, su ERA, in questa stagione, arrivo' quinto al Gran Premio Maserati a Donington e terzo a Brooklands.
Purtroppo, questo fu anche il punto più alto della sua carriera e della squadra del "Topolino Bianco".
In seguito al passaggio di Dick Seaman alla Mercedes nel 1937, i thailandesi acquistarono la sua Delage Gran Prix e tutte le sue parti di ricambio, assieme a una seconda Delage. Nonostante i diversi aggiornamenti, e l'assunzione di un'ingegnere esperto, futuro menager del team Jaguar, Lofty England, le auto erano poco performanti e in molte occasioni Bira fu costretto a correre sulla vecchia e ormai sostanzialmente inferiore ERA.
Inoltre, i soldi spesi per gli aggiornamenti delle Delage avevano fiaccato le risorse del team e i costi furono tagliati nella preparazione delle gare a cui la ERA partecipava. Mentre Bira manteneva risultati di tutto rispetto negli appuntamenti britannici, le gare internazionali, più costose, erano in gran parte un disastro.
Nel corso della sua attività agonistica fra il 1935 e il 1939 ottenne anche buoni risultati ma lo scoppio della seconda guerra mondiale gli impedì di proseguire una promettente carriera.



Quando la Thailandia venne occupata dall'esercito giapponese, Bira acquistò una casa in Cornovaglia.
Poi si trasferì dapprima a Ginevra e da lì in Francia, abbandonando anche gli studi artistici alla scuola dell'indiano Byam Shaw. A fine conflitto, ricominciò a gareggiare e approdò nella nascente formula uno. Nel 1951 e nel 1952 Bira guidò le Maserati 4CLT/48 della scuderia di Enrico Platé e della Scuderia Siam. Quindi passò nell'Equipe Gordini e nel 1953 fu al volante dapprima della Connaught, quindi di una Maserati A6GCM della Scuderia Milano. Nel 1954, infine, venne ingaggiato dalle Officine Alfieri Maserati ma dopo pochi gran premi concluse la stagione da privato al volante di una 250F (la stessa che avrebbe dato nel 1957 a Juan Manuel Fangio il quinto e ultimo titolo mondiale). Il suo miglior risultato fu un 4° posto sul difficile e pericoloso circuito di Bremgarten, nel GP di Svizzera 1950, conquistando 5 punti che lo consegnarono alla memoria eterna.

Nel 1955, dopo un successo nel Gran Premio di Nuova Zelanda, Prince Bira si ritirò per dedicarsi agli alianti e alla sua altra grande passione: la vela.
Nelle classi Star, Dragon e Tempest partecipò a ben quattro Olimpiadi, ma non andò mai oltre il 12mo posto, conquistato a Melbourne nel 1956 nella classe Star.
Fu un ottimo pilota di aerei, percorse la tratta Londra-Bangkok alla cloche di un bimotore Miles Gemini.
Amò tante donne e si sposò sei volte. Tornò in Thailandia mantenendo basi europee a Mandelieu (Villa les Faunes) e Cannes (una goletta a tre alberi ormeggiata permanentemente).

Per 51 lunghi anni, fino all’avvento in Minardi del malese Alex Yoong, Birabongse Bhanutej Bhanubandh del Siam, rimase il solo pilota da gran premio proveniente dal sud-est asiatico e tuttora è l'unico pilota thailandese ad aver partecipato al mondiale.

Nel cuore sempre vive le immagini delle due partecipazioni con Raymond Sommer alla 24 ore di Le Mans, nel 1939 su Alfa Romeo 6C 2500SS (ritirata) e nel 1954 su Aston Martin (incidente).

E fu il cuore che lo tradì a 71 anni mentre si trovava nella stazione della metropolitana londinese di Barons Court, l'antivigilia di natale del 1985 era il 23 dicembre.
Nessuno riconobbe in quell'anziano accasciatosi al suolo il vecchio campione Prince Bira.
Una nota scritta a mano fu trovata nel suo portafoglio, i caratteri dello scritto erano strani.
Scotland Yard mando' lo scritto all'Università di Londra, che ne identifico' i caratteri come thailandesi, lo scritto era indirizzato al Prinipe Bira, era del figlio morto anni prima.
Del fatto fu informata l'ambasciata thailandese che identifico' il principe stesso.
Quell'uomo, quasi sconosciuto in Inghilterra, aveva avuto una grande fama nel suo paese nativo, la Thailandia, dove tutti sapevano chi era.
Un servizio funebre in stile tailandese si tenne presso il tempio di Wimbledon e il principe fu poi cremato secondo la tradizione buddista e tailandese.

In Thailandia il suo nome e' stato dato all'International Bira Circuit fuori Pattaya, e e dalla regata in sua memoria che si tiene dal 1990.

Quest'uomo fu atipico e forse unico, dal fascino ancora oggi suggestivo e misterioso.

Servus Rolling Eyes
_________________

Do I look like a man who can be intimidated?
Φ
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage Skype
 
 MessaggioInviato: 08 Nov 2014 12:38 am  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  Eagle

Users




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 47
Registrato: 27/09/07 20:49
Messaggi: 5978
Eagle is offline 
Media Voti Post: User is appraised 4.00 out of 5
Località: Torino

Impiego: Art director of myself presso Me and Myself
Sito web: https://www.facebook.c...


italy

Grazie Lombrico. Ho letto con molto piacere e vivo interesse la storia...
_________________
https://www.facebook.com/carmodelartfanpage
Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: 08 Nov 2014 12:51 am  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  diablo

Site Admin
Site Admin




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 52
Registrato: 27/09/07 20:24
Messaggi: 11325
diablo is offline 

Località: modena
Interessi: modellismo
Impiego: libero professionista
Sito web: http://www.amgmodels.it


italy

Grazie Franco! Davvero interessante! Wink

Profilo Messaggio privato HomePage
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum » Made in Japan [Completed projects]

Pagina 1 di 1
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Mostra prima i messaggi di:

  

Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





 topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2009
Macinscott 2 by Scott Stubblefield