Giocattoli in latta, in plastica, in legno (che riguardano veicoli) - Giocattoli " JH"

trash - 15 Dic 2017 03:07 pm
Oggetto: Giocattoli " JH"
Salve a tutti
eccomi di nuovo qua' con una domanda...questa volta però è solo teoria. Leggendo qua e la ho trovato un articolo che parlava dei giocattoli "JH" di johan Hoefler descrivendoli come rari e preziosi...poi vado su ebay e li' ,trovo giocattoli JH a 6,00 €....qualcuno sa come stanno le cose??? Grazie
E_656 - 15 Dic 2017 05:39 pm
Oggetto:
Ciao.
Mia breve opinione: i giocattoli di quell'epoca mantengono buone quotazioni, ovviamente minore era la tiratura più di pregio ora risulta il giocattolo.
Quei pochi JH che ho visto su eBay non hanno prezzi esigui:

https://www.ebay.it/sch/i.html?_from=R40&_sacat=0&_nkw=Johann+H%C3%B6fler&LH_PrefLoc=2&_sop=16

Ciò non toglie il caso dell'asta fortunata (per l'acquirente!) che spunta prezzi molto al di sotto del valore (sempre teorico) del giocattolo in questione.
Inoltre, per quanto riguarda la JH, visto l'ampio arco temporale della sua produzione non stupisce che gli esemplari più recenti siano meno valutati.

Nel 1923 Leonhard, George e Johann Höfler erano tre fratelli proprietari di una fabbrica metallurgica.
Mentre Johann produceva giocattoli di latta e oggetti di uso quotidiano come bottoni in lamiera, Leonhard si occupava della produzione di articoli in metallo e George con la produzione di utensili.
Il ramo d'azienda di Johann Höfler, produceva giochi a basso costo. Questi includevano tra l'altro auto, auto da corsa, aerei, personaggi, rane, case delle bambole e ferrovie. Come marchio usarono un trifoglio con le lettere J e H.
La situazione degli ordini dopo la seconda guerra mondiale però diventò sempre più difficile a causa della forte concorrenza.
Nel 1954 Il figlio di Johann Höfler, il venticinquenne Ernst, assunse la direzione direttamente dopo gli studi ed ebbe un grande successo con i suoi primi prodotti della serie di auto in lamiera "Racing Car".
Il 1956 segnò un cambiamento radicale nella produzione con l'uso della plastica associata alla latta. Tutto iniziò con piccole figure, come indiani, cowboy e auto, oggi molto popolari tra i collezionisti.
Nel 1959 il logo fu sostituito con un globo.
Nel 1962 la compagnia fu rinominata "BIG".
Nel 1972, la prima BIG-Bobby-Car fu presentata alla Fiera del giocattolo di Norimberga. L'auto rossa pesava 1,5 kg e consisteva in pellet di plastica rosso brillante resistente agli agenti atmosferici, fu prodotta in vari milioni di pezzi.
Nel 1975 intraprese la produzione delle figure Play Big, che fecero concorrenza alla Playmobil per diversi anni.
Nel 2004 la società è stata venduta al gruppo Simba Dickie -lo stesso che ha acquisito Schuco-.
trash - 15 Dic 2017 06:51 pm
Oggetto:
Prezioso come sempre
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Powered by phpBB2 Plus based on phpBB