Borse scambio, manifestazioni e raduni - auto e moto d'epoca a Padova 2017

fantasmak - 29 Ott 2017 05:21 pm
Oggetto: auto e moto d'epoca a Padova 2017


Alfa Romeo 33/3 Spider codalunga Le Mans 1970, telaio n° 75080-006 appartenente al Museo Storico Alfa Romeo.

Motore V8 di 2998 cc. erogante 400 cv. a 9000 giri/min. Velocità max. 310 km/h.
fantasmak - 29 Ott 2017 05:49 pm
Oggetto:
Shocked Shocked Shocked

sotto:

Mercedes-Benz 300 SL Roadster (W198 II) del 1957.

in mezzo:

Pettenella Leontina ricostruita nei primi anni '70 su telaio originale Alfa Romeo 6C 1750
con oltre il 90% dei pezzi originali degli anni '30. Poco più di 10 esemplari costruiti.

in basso:

Fiat 1100 TV prima serie carrozzata da Pininfarina nel 1954.
fantasmak - 29 Ott 2017 06:13 pm
Oggetto:


sotto:

Alfa Romeo 6C 1750 Spider carrozzata da Zagato nel 1930.
Motore a 6 cilindri con cilindrata di 1752 cc.

in mezzo:

Fiat 512 Torpedo del 1926.
Motore a 6 cilindri con cilindrata di 3446 cc.

in basso:

Diatto 20 S Torpedo con coda a "Bateau" carrozzata da E. Mouche & C. di Lione nel 1923.
Motore a 4 cilindri con cilindrata di 1995 cc.
E_656 - 29 Ott 2017 06:14 pm
Oggetto:
Ooh, grazie Guido, pregusto già di lustrarmi gli occhi con le tue foto!
fantasmak - 29 Ott 2017 06:56 pm
Oggetto:
Troppo buono,Giuseppe. Wink

Guido.
fantasmak - 29 Ott 2017 11:14 pm
Oggetto:


sotto:

Volkswagen Karmann Ghia Coupè del 1963.

in mezzo:

Mercedes-Benz 220S Cabriolet.

in basso:

Alfa Romeo 2600 Sprint disegnata da Giorgetto Giugiaro per conto della Carrozzeria Bertone.
diablo - 29 Ott 2017 11:44 pm
Oggetto:
Grazie Guido.


fantasmak - 30 Ott 2017 12:02 am
Oggetto:
E' un piacere,Max. Wink Very Happy

Guido.
fantasmak - 30 Ott 2017 06:04 pm
Oggetto:


Porsche 919 Hybrid vincitrice della 24 Ore di le Mans del 2016 pilotata da Romain Dumas, Neel Jani e Marc Lieb.

Motore termico V4 turbo con cilindrata di 2000 cc. e 500 cv. di potenza.

Motore elettrico con una potenza di 400 cv.

Totale potenza 900 cv.

Cambio idraulico a 7 rapporti.

Accelerazione 0-100 km/h 2.2 sec.

Peso minimo 875 kg.
fantasmak - 30 Ott 2017 06:20 pm
Oggetto:
Mr. Green Mr. Green Mr. Green

sotto:

Bentley Continental GT.

in mezzo:

Fiat Abarth 1000 SP.

in basso:

Volvo P 1800.
E_656 - 30 Ott 2017 06:25 pm
Oggetto:
2,2 secondi... Da arresto cardiaco!
Davanti ha una batteria di cannoni fotonici e dentro la plancia comando di Star Trek.
Un plauso alla tecnologia, ma una pietra tombale sulla mia -personale- idea di auto da corsa.
fantasmak - 30 Ott 2017 06:46 pm
Oggetto:
La tecnologia avanza, caro Giuseppe. Mr. Green

Inoltre ho sentito che tutta questa tecnologia costa ben 16 milioni Shocked Shocked Shocked Shocked Shocked

Guido.
E_656 - 31 Ott 2017 08:47 am
Oggetto:
Lo so Guido, sarebbe un discorso lungo e irto di ostacoli, sicuramente influenzato dalle opinioni personali e dalla nostalgia. Ma gareggiare con auto le quali già ora -se si vuole- possono correre da sole tanto sono controllate in tutti i parametri, equivale -perdonate l'iperbole- ad una gara di slot car radiocomandate.
fantasmak - 31 Ott 2017 09:05 am
Oggetto:
Siamo dei romantici, Giuseppe, vediamo bello tutto quello che c'era una volta (giustamente), forse perchè eravamo giovani, non avevamo problemi di sorta, e quindi tutto quello che ci circondava ci piaceva, al contrario di oggi dove il mondo è quello che è, il futuro incerto, e noi più anziani e più saggi, non accettiamo tutto quello che ci propongono. Forse ho detto solo un mare di stronxxxe.

Pero' sono convinto che il pilota c'entra ancora molto nella gestione di una gara.E' lui che guida un mostro da 1000 cv. alla velocità di 350 km/h., ed è sempre lui che rischia la ghirba. Rolling Eyes Rolling Eyes

Guido.
fantasmak - 31 Ott 2017 06:04 pm
Oggetto:
Smile felice

sotto:

Alfa Romeo 183 T del 1983 pilotata da Andrea de Cesaris.

Motore Alfa Romeo V8 a 90° sovralimentato con una cilindrata di 1497 cc. erogante 650 cv. a 11000 giri/min.

in basso:

Merzario A3 del 1979.

Era mossa da un Ford Cosworth DFV V8 di 2993 cc. di cilindrata.
fantasmak - 01 Nov 2017 06:48 pm
Oggetto:


sotto:

Tecno PA 123/3 del 1972 pilotata da Derek Bell.

Motore Pederzani a 12 cilindri con una cilindrata di 2995 cc. e una potenza di 470 cv. a 11800 giri/min.

in mezzo:

Minardi M 192 del 1992.

Motore Lamborghini V12, cilindrata 3500 cc.

in basso:

March 701 del 1970 pilotata da Ronnie Peterson.

Montava un motore Ford Cosworth DFV V8.
E_656 - 01 Nov 2017 08:10 pm
Oggetto:
Quant'è bella la Tecno dei F.lli Pederzani!
Ed io che credevo solo ai 12 cilindri Ferrari. Matra, Alfa...
Un 12 cilindri a V di 180°... Ma così non è a V... Mi pare più un boxer. Rolling Eyes Question
fantasmak - 01 Nov 2017 08:23 pm
Oggetto:
Che fosse un motore V12 di 180° (a cilindri contrapposti-l'angolo a 180° è piatto), sono sicuro: non so pero' se fosse un boxer. Wink

Guido.

PS:tecnicamente un motore con cilindri contrapposti si chiama a V di 180° oppure a V piatta.
fantasmak - 02 Nov 2017 07:11 pm
Oggetto:
Very Happy

sotto:

Ferrari F 399 del 1999.

Motore Ferrari V10 a 80° con una cilindrata di 2997 cc. erogante 790 cv. a 16300 giri/min.

in mezzo:

Theodore N 183 del 1983.

Motore Ford Cosworth DFV V8.

in basso:

Bugatti T 37 A Grand Prix del 1927.

Motore a 4 cilindri con una cilindrata di 1496 cc. con compressore volumetrico. Potenza 90 cv.,vel.max.185 km/h.
diablo - 03 Nov 2017 12:18 am
Oggetto:
Quante belle auto!! Razz

Anche io sono un nostalgico, ma dobbiamo fare i conti con una tecnologia in continua evoluzione.

Grazie per le foto Guido


fantasmak - 03 Nov 2017 09:05 am
Oggetto:
diablo ha scritto:


Anche io sono un nostalgico, ma dobbiamo fare i conti con una tecnologia in continua evoluzione.






Guido.
fantasmak - 03 Nov 2017 05:40 pm
Oggetto:
Smile felice

sotto:

Alfa Romeo 183 T telaio 02 del 1983. Questa vettura fu usata anche da Riccardo Patrese, nel gennaio del 1984 sulla pista del Balocco, per i primi collaudi con i colori della Benetton.

in mezzo:

Fiat Abarth 695.

in basso:

Dino 206 GT del 1969.
fantasmak - 03 Nov 2017 06:01 pm
Oggetto:


sotto:

Fiat 128 Coupè SL 1300 del 1974.

in mezzo:

Lancia Flaminia Berlina.

in basso:

Mercedes-Benz SE Cabriolet del 1962.
lombricoferoce - 03 Nov 2017 07:06 pm
Oggetto:
Questa volta io non c'ero, purtroppo, se no ti avrei detto che quello che avevi intenzione di scrivere sulla Leontina non è proprio così, infatti la bellissima Leontina Gran Sport,che è un vero gioiello praticamente fatto a mano dal carrozziere marchigiano di San Leo, Pettenella, replicava in maniera quasi maniacale la 1750 6c Zagato. Era 1975.


Ma non solo: il telaio non era originale ma replicato ... ed il motore era un moderno Alfa Romeo ....


http://www.automoto900.it/Alfa_Romeo_Pettenella.html



Baciamo le mani
fantasmak - 03 Nov 2017 07:11 pm
Oggetto:
Io ho letto da qua.

Probabilmente le info sono riferite alla vettura esposta, che dovrebbe essere la prima prodotta.Quindi è ragionevole pensare che sulla prima fossero stati montati un telaio e molti pezzi originali, e sulle altre dodici o tredici i componenti siano stati costruiti ad hoc.

Guido.
E_656 - 03 Nov 2017 08:23 pm
Oggetto:
Come tempera le matite Lui... Nessuno! Laughing
fantasmak - 03 Nov 2017 08:28 pm
Oggetto:
A chi lo dici. E' ritornato il vecchio lombrix. Very Happy Mr. Green

Guido.
lombricoferoce - 03 Nov 2017 08:43 pm
Oggetto:
Scusami eh, ma vai a prendere le notizie da subito.it.

Non credo che nel 1975 fosse facile reperire una dozzina di telai Alfa degli anni 30 con i relativi pezzi ..... sarebbe costata un miliardo di lire .... e anche il discorso sui cavalli ho i miei dubbi, la velocità doveva essere su i 170. da quello che ho letto, alla Zagato, si pensò sì di modificare in parte l’estetica .... ma pure la potenza del motore, sovralimentandolo per le gare. Poi posso sbagliare ovviamente. Ma ilbello della carta è che si lascia scrivere .... da tutti ....

https://www.0-100.it/alfa-romeo-6c-1750-gs-in-vendita-in-inghilterra/

Poi ognuno può scivere ciò che vuole come il tizio in questione ma fa sorridere che voglia cimentarsi in cose che conosce malamente, bastava che cercasse con un po' di cura e così evitava di farsi rider dietro. Tot capita tot sententiae ovviamente, niente da obiettare.

Il bello di questa vettura, a parte lei stessa, è proprio che l'appassionato che le diede vita con amore .... la fece quasi tutta a mano ... riproducendo con puntiglio anche la strumentazione ....

Embarassed auf Wiedersehen kampai
fantasmak - 03 Nov 2017 08:58 pm
Oggetto:
Franco leggi beno quello che scrivo: ho detto che probabilmente solo la prima ha il telaio originale, quella esposta a Padova.Almeno così riportava la descrizione sulla vettura.Chiaro che non puoi trovare
una quindicina di telai degli anni '30.

Guido.
lombricoferoce - 03 Nov 2017 09:10 pm
Oggetto:
Nonostante abbia finito gli studi nel 1970 con un po' di sforzo ho intuito i tuoi scritti anche senza la stele di rosetta ... e dubito pure su quel telaio.
Ma tutto può essere, anche se nelle mie passate ricerche non ho trovato nulla che avvalorasse la scritta .... bisognerebbe vedere il numero di telaio Laughing Mr. Green
fantasmak - 03 Nov 2017 09:13 pm
Oggetto:
Certo.

Guido.
lombricoferoce - 04 Nov 2017 07:39 am
Oggetto:
In un sito ho trovato anche questo:

http://www.clubalfamania.ch/forum/viewtopic.php?f=48&t=2880

" ... fu Bepi Koelliker ad ordinare al carrozziere Pettenella la costruzione di una piccola serie di vetture pseudo 6C 1750 GS Zagato. Ne fece circa 15, quasi tutte diverse per colore e particolari vari. Una in realtà è la copia della 1750 GS Flying Star, un'altra ha il muso della 8C Monza, alcune montano il bialbero 1750 cc., altre il 2.000, almeno un paio il 2.600 6 cilindri in linea."

E poi ... " Curiosità: quasi l'intera produzione rimasta invenduta fu ritirata in stock da un medico toscano .... "

Boh! Pubblico questo solo a rigor di cronaca
fantasmak - 04 Nov 2017 05:27 pm
Oggetto:


sotto:

Porsche 911 GT1 (996) del 1997.

Motore Boxer a 6 cilindri biturbo con una cilindrata di 3164 cc. erogante 544 Hp. Accelerazione da 0-100 in 3.5 sec. Vel. max. 310 km/h.

in basso:

Lancia Fulvia Spider 1.3 S del 1973, seconda serie.
fantasmak - 04 Nov 2017 05:43 pm
Oggetto:


sotto:

Alfa Romeo 1900 CSS carrozzata da Touring nel 1956.

La vettura è stata modificata nella meccanica da Ferruccio Lamborghini e nella parte posteriore da Scaglietti.

in basso:

Audi S4 GTO.
E_656 - 04 Nov 2017 05:58 pm
Oggetto:
Senza nulla togliere ai due "mostri" teutoni... Ma quanta eleganza per Lancia e Alfa! Wink
fantasmak - 04 Nov 2017 06:03 pm
Oggetto:
D'accordo con te, anche se le italiane sono di un'altra epoca. Very Happy

Guido.
fantasmak - 05 Nov 2017 06:34 pm
Oggetto:
Smile felice 3

Jaguar I-Type telaio Dallara Formula E.

Vettura completamente elettrica con una potenza massima di 270 cv. (240 cv. in modalità gara).

Velocità max. 225 km/h., accelerazione 0-100 in 3 sec.
lombricoferoce - 06 Nov 2017 04:16 pm
Oggetto:
Belle foto, sembra quasi che le abbia fatte io.

Mi sto chiedendo come tu abbia goduto la giornata padovana senza di me. Boh, stranezze della vita.

A parte questa anomalia, come erano i prezzi delle auto? Alle stelle come lo scorso anno?



Smile felice
fantasmak - 06 Nov 2017 04:52 pm
Oggetto:
Anche se tu non c'eri, eri sempre nei miei pensieri. Wink

I prezzi delle vetture erano molto alti, come sempre.

Guido.

PS: ottimo il panino con salsiccia & cipolla. Mr. Green
lombricoferoce - 06 Nov 2017 04:54 pm
Oggetto:
Anche il panino, eh? Maramaldo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
fantasmak - 06 Nov 2017 04:57 pm
Oggetto:
Mr. Green Mr. Green Mr. Green


Dai che il prossimo anno ci ritorni. Wink

Guido.
fantasmak - 06 Nov 2017 06:36 pm
Oggetto:
Shocked

Alfa Romeo 33/3 di Carlo "Riccardone" Benelli.
fantasmak - 07 Nov 2017 05:33 pm
Oggetto:


sotto:

Maserati A6G/54 Coupè carrozzata da Allemano nel 1955.

Motore a 6 cilindri in linea con una cilindrata di 1985 cc. erogante 150 cv. a 6000 giri/min.

in mezzo:

Isotta Fraschini Fenc 10 del 1908.

in basso:

Ferrari 330 LMB.
fantasmak - 07 Nov 2017 05:58 pm
Oggetto:
Wink

sotto:

Alfa Romeo 1900 Super Ti ex Pantera della Polizia Stradale del 1952.

in basso:

Alfa Romeo 2500 6C Ministeriale del 1942.
E_656 - 07 Nov 2017 06:31 pm
Oggetto:
Tutte affascinanti, l'Alfa nera "ministeriale" del '42... Mi mette un po' di apprensione...
Vedo scendere da essa funzionari dell'OVRA in impermeabile... Neutral
fantasmak - 07 Nov 2017 06:35 pm
Oggetto:
E_656 ha scritto:
l'Alfa nera "ministeriale" del '42... Mi mette un po' di apprensione...
Vedo scendere da essa funzionari dell'OVRA in impermeabile... Neutral


In effetti è un po' inquietante. Mr. Green Mr. Green

Guido.
lombricoferoce - 07 Nov 2017 10:13 pm
Oggetto:
Bellissima la Ferrari 330 LMB, una delle più belle vetture della casa di Maranello, interessante la 1900 Alfa con le catenelle davanti gli pneumatici. tutte auto molto particolari e belle in queste foto.

Più che da una Alfa Romeo 2500 6C ministeriale, auto di lusso, che saltava all'occhio, vedrei scendere gli agenti dell'OVRA da una Lancia Aprilia grigia o da una 508C o L.
La tua visione con gli impermeabili neri ricorda più la germanica Geheime Staatspolizei, l'associazione culturale e benefica nota come Gestapo che tanto fece per eliminare il problema della sovrappopolazione in Europa.
Comunque l'OVRA non aveva solo funzioni di polizia politica ma anche di spionaggio e controspionaggio.
L'acronimo non è chiaro potrebbe significare " Organizzazione per la Vigilanza e la Repressione dell'Antifascismo " ma ci sono varie supposizioni diverse.

Comunque sia, come ben sai questi organismi più o meno segreti stanno di casa nella maggior parte dei regimi e non solo, non dimentichiamo la famosa Ceka, sviluppatasi nel GPU e poi nel NKVD ecc ... il maccartismo nella sua caccia alle streghe utilizzò l'FBI per rovinare la vita a tante persone. Tutti governi nel loro piccolo hanno qualcosa di simile suppongo anche oggi.

La DIGOS la cosiddetta "Polizia di prevenzione" svolge attività investigativa ed informativa finalizzata a contrastare eventuali attività eversive dell'ordine democratico. E già .... ma che significa attività eversive dell'ordine democratico? Potrebbe essere anche quello che sto scrivendo io?!

Ben bon, da parte mia è la data che mi mette i brividi a causa di tutti gli annessi e connessi che si verificarono, senza contare i precedenti come le leggi razziali, il primo abominio nei confronti di cittadini italiani, indimenticabile ed imperdonabile.
Sul dopo '44, periodo buio e sempre trattato in maniera orrendamente di parte, la lettura dei libri di Gianpaolo Pansa è molto istruttiva.

Mi piacerebbe trovare un periodo della storia italica dal 1848 in avanti di cui non ci si debba vergognare o per lo meno raccontato giusto. Se indaghi bene Giuseppe, non c'è. Non c'è!

Notte Laughing
fantasmak - 08 Nov 2017 06:26 pm
Oggetto:
Shocked

Tre Alfa.

sotto:

Alfa Romeo 6C 2500 Sport del 1948.

in mezzo:

Alfa Romeo Montreal del 1975.

in basso:

Alfa Romeo Nuova Giulia 1600 del 1977.
lombricoferoce - 09 Nov 2017 02:31 pm
Oggetto:
La Giulia ? il canto del cigno, o meglio il raglio, non capisco come abbiano fatto per ottenere un aborto simile.
Sono così belle le prime versioni ante '74 .... e poi quella col motore Perkins lo stesso dei furgoni. Nakakata.
Ad un raduno ho portato per un paio di giorni uno Sherpa della Leyland, te ne ricorderai certo, facevo da guida .... divertentissimo ma un'escargot su 4 ruote e se ricordi nonostante questo vi ho persi per strada un paio di volte, .

Salutammo
fantasmak - 09 Nov 2017 02:50 pm
Oggetto:
Ricordo, certo che ricordo.

La più bella Giulia, secondo me, era la versione antecedente a questa:quella che avevo io. Mr. Green Mr. Green Dello stesso colore di questa.Il mitico Blu Le Mans.

Guido.
lombricoferoce - 09 Nov 2017 02:52 pm
Oggetto:
Blu Francia. Evil or Very Mad
fantasmak - 09 Nov 2017 02:57 pm
Oggetto:
BLU LE MANS. Ho ancora a casa la bomboletta della Talken.

Guido.
lombricoferoce - 09 Nov 2017 03:04 pm
Oggetto:
Sì certo perchè se correvano a Reims diventava blu Reims.

Comunque possono chiamarlo come vogliono ma il colore dal 1907 è blu Francia, usato da Bugatti, Gordini e chi ne ha più ne metta. La mia prima e compianta Dolomite aveva questo colore.
Prima il colore francese era il rosso.


Hasta luego, forse. Very Happy
fantasmak - 09 Nov 2017 03:20 pm
Oggetto:
L'Alfa lo chiamava così, visto che era un colore della propria gamma.Penso che ogni marchio da un nome speciale ai colori del proprio assortimento per identificarlo tale.

Guido.

PS:forse il Gordini è simile, ma il Bugatti lo vedo più chiaro. Almeno secondo me.Dopo bisogna vedere se il colore è sbiadito o è nuovo. Dalle foto non si puo' dedurre niente perchè possono essere sovraesposte o viceversa.
lombricoferoce - 09 Nov 2017 04:15 pm
Oggetto:
Si lo so ma visto che non hai osannato il mio ultimo acquisto, dopo son io che non guardo ... devo pur romperti un po' le balle, se no non sarei io, sai che ho la ... vocazione per queste cose.

Dicono che i colori nazionali vennero decisi per la Gordon Bennet nel 1900, (rosso per gli Stati Uniti, bianco alla Germania, blu alla Francia e giallo al Belgio.) io so che nel 1906 in occasione del Grand Prix di Francia che si corse a Le Mans, la Renault che vinse aveva la livrea rossa e le Fiat erano in nero.
Nel 1907 si decise che il colore francese era l'blu ... in tutte le sue varianti. Più avanti ci fu un regolamento anche per i colori dei numeri ma non so quanti rispettarono quest'ultima regola.

Ecco, se non ricordo male ma non credo, i colori principali dal 1907: blu per la Francia, verde per la Gran Bretagna, rosso per l'Italia, giallo per il Belgio, bianco per la Germania, rosso con striscia bianca per gli USA. Nel corso degli anni le cose cambiarono ulteriormente. Cercherò. Ma se qualcuno sa tutta la storia non esiti a scriverla.

La storia dei colori nazionali durò se non ricordo male, spero di no, fino al '68 quando la Lotus ruppe gli schemi, ti ricordi la livrea bianco/ rosso/oro della 49? Era sponsorizzata dalla Gold Leaf, nota marca di sigarette facente parte della John Player & Sons, nota anche per i marchi John Player, John Player Special e Player's.
Le provai tutte Mr. Green

La sponsorizzazione sulle Lotus continuò nel 1972 con la livrea John Player Special di colore nero e oro per diversi anni.


fantasmak - 09 Nov 2017 04:37 pm
Oggetto:
lombricoferoce ha scritto:
Si lo so ma visto che non hai osannato il mio ultimo acquisto, dopo son io che non guardo ... devo pur romperti un po' le balle, se no non sarei io, sai che ho la ... vocazione per queste cose.






Hai ragione, ma non sempre mi arrivano gli avvisi di messaggi: qualche volta non arrivano per niente, qualche volta finiscono in "spam".Boh. Non so.

Guido.
fantasmak - 09 Nov 2017 04:52 pm
Oggetto:
Smile felice 3

sotto:

Alfa Romeo 1900 Super.

in mezzo:

Fiat 1800 B familiare del 1964.

in basso:

Fiat 1500 Coupè Vignale.
fantasmak - 09 Nov 2017 05:31 pm
Oggetto:


Audi R18 e-tron quattro del 2016. Prototipo LMP1.
lombricoferoce - 10 Nov 2017 12:25 pm
Oggetto:
Sembra la Batmobile. Decisamente preferisco la linea dei vecchi prototipi Shocked
fantasmak - 10 Nov 2017 12:38 pm
Oggetto:
L'"involuzione della specie" Mr. Green

Guido.
fantasmak - 10 Nov 2017 06:54 pm
Oggetto:
Very Happy

sotto:

Pagani Zonda S.

Motore Mercedes-Benz AMG V12 di 60°, cilindrata 7000 cc. Potenza 555 cv. a 5900 giri/min.

in mezzo:

Audi Sport Quattro partecipante al "Pikes Peak" del 1985.

Motore a 5 cilindri in linea turbocompresso, con una cilindrata di 2110 cc., erogante 400 cv. a 7500 giri/min.

in basso:

Alfa Romeo 6C 2500 SS.
lombricoferoce - 10 Nov 2017 07:14 pm
Oggetto:

E_656 - 10 Nov 2017 07:15 pm
Oggetto:
Sarò malato, ma le Alfa mi appassionano sempre un po' più delle tedesche... Wink
lombricoferoce - 10 Nov 2017 07:32 pm
Oggetto:
Personalmente preferisco le auto inglesi. Poi bisogna distinguere gli anni ed il genere di vettura di quegli anni ed anche qui dipende dai gusti per esempio ad una Giulietta spider i preferisco una Triumph TR3 A o B o una 356 cabrio. A dire il vero me le terrei tutte e tre. Davanti ad un'Aurelia io mi squaglio. Insomma de gustibus ecc ...


E_656 - 10 Nov 2017 09:42 pm
Oggetto:
Alfa, Lancia... Non so... Me piacciono le italiane! Mr. Green
fantasmak - 11 Nov 2017 04:57 pm
Oggetto:
E una bella MG A, no? Wink

Guido.
fantasmak - 11 Nov 2017 05:13 pm
Oggetto:


sotto:

Jaguar S-Type, prodotta dal 1963 al 1968.

in mezzo:

Pagani Huayra Roadster.

Motore Mercedes-Benz AMG V12 di 60°, cilindrata 5980 cc. con una potenza di 764 cv. a 5500 giri/min.

in basso:

Lancia Flaminia Coupè carrozzata da Pininfarina, prodotta dal 1959 al 1967.
fantasmak - 12 Nov 2017 05:48 pm
Oggetto:


sotto:

Porsche 911 (993) RS 3.8 del 1996.

in mezzo:

Lancia Stratos.

in basso:

De Tomaso Pantera GTS del 1973.
fantasmak - 13 Nov 2017 06:13 pm
Oggetto:


sotto:

Alfa Romeo Sprint 1900 SS Touring Superleggera del 1956.

in mezzo:

Chevrolet Corvette C5 Indy 500 -Pace Car- del 1998.

in basso:

Diatto 4DV 15/20 HP Coupè Chauffeur del 1909.

Motore a 4 cilindri con una cilindrata di 2920 cc.
lombricoferoce - 13 Nov 2017 08:26 pm
Oggetto:
belle foto, la Diatto è stupenda. Ma .... Ma ora che "bagolo" nuovamente per il forum ... fai la timida ? Mah?!
fantasmak - 14 Nov 2017 05:31 pm
Oggetto:


sotto:

Volkswagen Porsche 914 2.0 del 1973.

in mezzo:

Alfa Romeo Giulia Sprint GTC, prodotta tra il 1965 e il 1966.

in basso:

Mercedes-Benz 220 S Ponton W180 II del 1956.
E_656 - 15 Nov 2017 08:56 am
Oggetto:
Continuo a guardare l'Alfa Romeo Giulia Sprint GTC... E non riesco a capire se mi piace o no...
Mi trascinerò questo rovello per tutta la giornata!
Alla Mercedes nera manca solo la targa SCV e un alto prelato a bordo tra le strade di Roma di fine anni '50. Very Happy
fantasmak - 15 Nov 2017 01:21 pm
Oggetto:
In effetti la Giulia GTC è un po' strana, forse non rende come la versione chiusa. Era ed è parecchio rara, ma ricordo di averne viste girare in città negli anni che furono.
Sicuramente non ha il carisma degli altri spider che l'hanno preceduta. Very Happy

Guido.
fantasmak - 15 Nov 2017 05:32 pm
Oggetto:


sotto:

Lancia Appia III Serie.

in mezzo:

Ford Siata 208S Cabriolet Speciale carrozzata dagli Stabilimenti Farina nel 1953.

in basso:

Peugeot 402B Légère del 1939.
diablo - 16 Nov 2017 12:21 am
Oggetto:
Quante belle auto!!! Shocked


fantasmak - 16 Nov 2017 07:53 am
Oggetto:
Mr. Green Wink

Guido.
fantasmak - 16 Nov 2017 11:47 am
Oggetto:
lombricoferoce ha scritto:
Bellissima la Ferrari 330 LMB, una delle più belle vetture della casa di Maranello, Laughing


D'accordo con te. La 330 LMB assieme alla 250 GTO del '62 e alla 275 GTB sono tra le più belle Ferrari mai costruite (a parere mio), che possono rivaleggiare con la Bizzarrini 5300 GT Strada, Miura e Alfa 33 Stradale.Vetture così non se ne fanno più.

Guido.
fantasmak - 16 Nov 2017 05:41 pm
Oggetto:


sotto:

Bugatti tipo 37 del 1926.

Motore a 4 cilindri aspirato da 1496 cc. in grado di erogare 60 cv. di potenza massima.

in mezzo:

Ferrari F150 "La Ferrari", vettura ibrida prodotta dal 2013 al 2016.

Motore V12 a 65° da 6262 cc. erogante 800 cv. a 9200 giri/min. HY-KERS da 163 cv. per un totale di 963 cv. Velocità 350 Km/h.

in basso:

Rolls Royce 25/30 Limousine carrozzata da Hooper nel 1937.
lombricoferoce - 16 Nov 2017 09:23 pm
Oggetto:
Belle Bugatti e Rolls Laughing


Anche qui l'ora di registrazione è indietro, quindi vuol dire che sul server non è aggiornata. Mah!
fantasmak - 17 Nov 2017 06:32 pm
Oggetto:
Mr. Green

sotto:

NSU Prinz 4.

in mezzo:

Fiat Abarth Monomille GT Coupè carrozzata da Sibona & Basano nel 1963.

in basso:

Alfa Romeo Giulia GTA.
lombricoferoce - 17 Nov 2017 10:06 pm
Oggetto:
Stupenda l'Abarth Very Happy
fantasmak - 17 Nov 2017 10:52 pm
Oggetto:
D'accordo con te: bellissima. Very Happy

Guido.
E_656 - 17 Nov 2017 11:05 pm
Oggetto:
Ma volete mettere la Prinz? Mr. Green

A parte gli scherzi la piccola NSU mi è sempre stata simpatica.
fantasmak - 17 Nov 2017 11:31 pm
Oggetto:
Anche a me è sempre piaciuta, ma rispetto alla 500, anch'essa bicilindrica, costava una cifra. Sad Anche se aveva una cilindrata superiore ed era meglio rifinita.

Guido.
lombricoferoce - 18 Nov 2017 10:22 am
Oggetto:
E_656 ha scritto:
Ma volete mettere la Prinz? Mr. Green

A parte gli scherzi la piccola NSU mi è sempre stata simpatica.



Sì concordo, mi piace ancora adesso, aveva la linea così detta a saponetta presa dalla Chevrolet Corvair, la N.S.U che fu di proprietà della Fiat per lunghi anni, non fu l'unico marchio ad ispirarsi alla Chevrolet, la stessa Fiat con la 1300/1500 fece la medesima cosa e pure la Panhard con il tipo 24 e la ZAZ.

La Prinz 4 era o è una simpatica vettura nata con un motore bicilindrico ereditato dalla prima Prinz I che aveva anche delle particolarità tecniche particolari, ossia aveva il sistema di avviamento che era costituito da un gruppo starter generatore posto all'interno del basamento del motore. Questo durò fino a quando il motore cambiò e divenne un normale 4 cilindri. Consumava poco, andava da per tutto sfruttando il motore e la trazione posteriore e portava 4 persone senza troppi problemi. Parlo con cognizione di causa essendoci stato sopra, si arrampicava senza catene per stradine innevate in montagna. Non dobbiamo dimenticare anche gli sviluppi. La carrozzeria venne ampliata e vennero prodotti altri modelli "1000", "1200" e " TT/TTS, da notare che la versione più potente, la TTS, con un motore da circa 85 cavalli aveva un motore da 1000 cc, La caratteristica più evidente della TTS era la striscia cromata con inserto nero tra i fari e le lettere cromate sul retro. Un radiatore dell'olio supplementare veniva montato nella parte anteriore mentre nella presa d'aria nel vano motore erano presenti tre fori per il radiatore principale dell'olio. La versione meno potente, la TT aveva un motore da 1200 cc. (1167 con 65 cv). Se non ricordo male TT sta per Tourist Trophy, gara alla quale partecipò sin dall'inizio (1907) e che si aggiudicò sicuramente nel 1954 per la classe 250 e 125.

La Prinz venne prodotta su licenza anche in Jugoslavia, dalla serba Pretis di Sarajevo, in Argentina, dalla Autoar, e con lievi modifiche estetiche, in Egitto dalla Ramses con la Ramses II.
Non scordiamoci della ZAZ 968M che si ispira chiaramente alla N.S.U
fantasmak - 29 Nov 2017 12:18 pm
Oggetto:


sotto:

Porsche 911 Carrera RS 2.7.

in mezzo:

Porsche 550 Spyder Replica prodotta dalla Banham nel 1986.

in basso:

Porsche 911 (997) GT3 RS.
E_656 - 29 Nov 2017 12:20 pm
Oggetto:
Aaaah, i pezzi forti alla fine!

fantasmak - 29 Nov 2017 12:20 pm
Oggetto:
Wink

Guido.
fantasmak - 29 Nov 2017 02:18 pm
Oggetto:
Smile felice 3

sotto:

Porsche 911 Carrera RS 3.0.

in mezzo:

La famosa Abarth 1000 Bialbero Pininfarina del 1960. La " Principessa" fu sviluppata nella galleria del vento del Politecnico di Torino.

in basso:

Ferrari 250 GT/E 2+2 del 1962 appartenuta al maresciallo Armando Spatafora.
lombricoferoce - 29 Nov 2017 07:00 pm
Oggetto:
fantasmak ha scritto:
Smile felice 3


in basso:

Ferrari 250 GT/E 2+2 del 1962 appartenuta al maresciallo Armando Spatafora.


Guidata non appartenuta e non era il solo ma fu quello più noto per via della sua discesa per la scalinata di Trinità dei Monti dove la la danneggiò per benino Rolling Eyes
fantasmak - 29 Nov 2017 07:48 pm
Oggetto:
Giusto.

Guido.
fantasmak - 29 Nov 2017 09:10 pm
Oggetto:


Rolls Royce Silver Cloud III Cabriolet del 1964.
fantasmak - 30 Nov 2017 05:18 pm
Oggetto:


sotto:

Porsche 911 (997) GT3 Carrera Cup di Rino Mastronardi.

in mezzo:

Porsche 356 del 1954.

in basso:

Porsche 911 Slant Nose.
E_656 - 30 Nov 2017 05:25 pm
Oggetto:
Prendo la 356... Che fa, me la incarta?
Mr. Green
L'ultima 911 è un'elaborazione o è uscita già così di fabbrica?
fantasmak - 30 Nov 2017 05:55 pm
Oggetto:
Da quello che so, all'inizio degli anni '80, un reparto della fabbrica venne nominato "Desideri Speciali" disponibile a realizzare versioni e variazioni personalizzate su vetture dei clienti più esigenti.
Una di queste varianti è la Flachschnauze con la carrozzeria ispirata alla 935.
Probabilmente anche altre ditte avranno messo in commercio dei kit per aggiornare le 911.

Guido.
fantasmak - 30 Nov 2017 06:08 pm
Oggetto:
Smile felice

sotto:

Lamborghini Gallardo della Polizia di Stato.

in mezzo:

Lancia 037 Martini carrozzata da Pininfarina.

in basso:

Rolls Royce Corniche Drophead Coupè.
lombricoferoce - 30 Nov 2017 10:57 pm
Oggetto:

diablo - 01 Dic 2017 01:55 am
Oggetto:
Se non sono RR sono Porsche e viceversa ...
Nelle ultime dodici foto solo due timidi scatti (per fortuna Mr. Green ) per la Lancia 037 e la Lambo polizia ... Un po' di sana par condicio non guasterebbe ...
fantasmak - 01 Dic 2017 09:21 am
Oggetto:
Caro Max, è quello che sto facendo, visto che nella parte iniziale del topic ho pubblicato un po' di tutto: persino un paio di Ferrari. Adesso tocca alle Porsche e RR. Mr. Green

Guido.
E_656 - 01 Dic 2017 11:19 am
Oggetto:
fantasmak ha scritto:
...un po' di tutto: persino un paio di Ferrari.


Chissà che reazione allergica! Smile felice 3

A me piacciono le Porsche e non riesco a non apprezzarle solo per partito preso...
Ma faccio un'osservazione spicciola: se per strada passa una Porsche si voltano in 2-3... Se passa una Ferrari? Una qualunque, non importa l'anno o il modello... L'unico che non si volta a guardarla è Guido!

Guido, ovviamente grazie per le foto, a qualsiasi veicolo appartengano! Wink
fantasmak - 01 Dic 2017 02:28 pm
Oggetto:


sotto:

Alfa Romeo F12.

in mezzo:

De Tomaso Pantera.

in basso:

Jaguar MK V del 1950.
diablo - 01 Dic 2017 04:17 pm
Oggetto:
a parte la pizzicata Mr. Green grazie per le foto Wink


fantasmak - 01 Dic 2017 05:37 pm
Oggetto:
Mr. Green Very Happy

Guido.
fantasmak - 05 Dic 2017 05:24 pm
Oggetto:


sotto:

Alfa Romeo Giulietta SS 1300 del 1960.

in basso:

March Leyton House F1 ex Ivan Capelli del 1987.
E_656 - 05 Dic 2017 06:21 pm
Oggetto:
Ora pongo una domanda che risulterà ridicola: l'aria entra dai tromboncini sulla testata, c'è a valle il classico filtro?
Qualora non ci fosse la retina metallica a loro protezione è a maglie troppo larghe...
fantasmak - 05 Dic 2017 06:45 pm
Oggetto:
Non ci sono filtri per l'aria, solamente le retine. Sinceramente non saprei se le maglie sono troppo larghe, ma se le hanno messe così presuppongo che vadano bene. Wink

Guido.
lombricoferoce - 05 Dic 2017 11:41 pm
Oggetto:
E_656 ha scritto:
Ora pongo una domanda che risulterà ridicola: l'aria entra dai tromboncini sulla testata, c'è a valle il classico filtro?
Qualora non ci fosse la retina metallica a loro protezione è a maglie troppo larghe...


https://it.wikipedia.org/wiki/Cornetto_d%27aspirazione


fantasmak - 06 Dic 2017 05:28 pm
Oggetto:


sotto:

AC 16/80 Sport Tourer del 1937.

in mezzo:

Fiat Abarth 750 GT Doppia Gobba carrozzata da Zagato.

in basso:

Abarth 2000 Sport SE 010.
lombricoferoce - 07 Dic 2017 07:55 am
Oggetto:
Che dire di queste ultime tre? Lo spiderino inglese è bellissimo con i suoi interni che all'epoca poche vetture europee si potevano permettere, legno e pelle, meravigliosa ma si sa che ho un debole per le inglesi.

L'Abarth 750 con le caratteristiche gobbe che dicono subito che è una creazione Zagato. Se non ricordo male fu un'Appia ad inaugurare questo stile che a me piace moltissimo e che rese caratteristiche molte berlinette sportive come l'Alfa 1900 SS o la Flaminia Sport 2500.
Zagato è uno dei miei carrozzieri preferiti chi non rammenta la sua DB4 o la TZ2?

E la Abarth 2000 Sport Tipo SE 010? Altra vettura che mi è sempre piaciuta moltissimo, nata per correre e per ridare lustro alla casa dello scorpione. 250 cavalli su poco più di 500 chili. Uno schianto omologata per il gruppo 4.

Questa vettura merita uno scopiazzamento paro paro da Omni Auto

http://www.omniauto.it/magazine/8763/abarth-2000-se010

Carlo Abarth fu uno dei primi piccoli costruttori a produrre in "grande serie" vetture GT e Sport destinate esclusivamente alle competizioni, in pista o salita. Negli anni 1967-68, in presenza di importanti cali di vendite delle vetture stradali derivate da modelli di serie, Abarth fece di necessità virtù e tornò praticamente alle origini, spingendo sulla progettazione, realizzazione e vendita di vetture espressamente concepite per la sola attività agonistica; la prima di queste vetture del nuovo corso fu la Sport Spider 2000 biposto. In quel periodo Abarth era ancora legato alla concezione del motore posteriore a sbalzo (o fuoribordo che dir si voglia), a ciò vincolato dall'utilizzo di pianali di vetture di grande serie, opportunamente alleggeriti e nel contempo rinforzati, la cui impostazione d'origine prevedeva appunto il gruppo motore-cambio in tale posizione.

La SE 010 nacque quindi come progetto di compromesso: pur mantenendo infatti la posizione a sbalzo, abbandonava il pianale in lamiera per passare al più leggero e rigido telaio tubolare a traliccio. In realtà tale tecnica era stata già adottata su altre precedenti sport dello Scorpione, ma la SE 010 - la prima con l'obbligo di rispettare una produzione minima di 25 esemplari per poter ottenere l'omologazione in Gruppo 4 - rappresentava la proiezione industriale di tale attività di nicchia.

A differenza della sua progenitrice SE 04/FB, la SE 010 veniva costruita "annegando" alcune parti del telaio tubolare in pannelli di vetroresina. Si otteneva così - senza penalizzare più di tanto il peso complessivo - un consistente aumento della rigidità torsionale a tutto vantaggio di prontezza, guidabilità e tenuta. Altre peculiarità del progetto, che nonostante il motore a sbalzo tendeva a portare quante più masse possibile verso il centro vettura, fu lo spostamento della frizione multi disco a secco in testa alla scatola del cambio; sempre per tale motivo una serie di organi accessori vennero spostati verso il centro, in zona cambio, e lo stesso motore benché a sbalzo era spostato verso il centro in maniera talmente marcata che i semiassi, visti in pianta, risultavano inclinati verso l'indietro di circa 6 cm.

Interessanti gli schemi progettuali del telaio e la conseguente metodologia di montaggio: la posizione di ogni singolo elemento tubolare era studiata in modo che questo funzionasse a mo' di tirante ovvero di puntone. I vantaggi di questo sistema erano la facilità di calcolo e la possibilità di verificare le caratteristiche di rigidità e robustezza già in fase di progetto. La metodologia di montaggio prevedeva l'utilizzo di una o più maschere in ghisa, sulle quali si ponevano i diversi componenti tubolari che, una volta assemblati, formavano dei sottogruppi a loro volta posti su maschere successive e saldati fra loro: in questo modo il telaio prendeva, fase dopo fase, forma con precisione millimetrica.

Una volta terminato l'assemblaggio il telaio veniva posto su un una dima metallica attorno alla quale combaciavano altre quattro dime che allineavano, perfettamente in squadra, le sospensioni i cui fazzoletti e le cui staffe venivano a loro volta saldate al telaio. Il telaio veniva poi completato saldando tutte le staffe ed i supporti degli accessori nonché i punti di attacco di motore e cambio.
Poiché in quegli anni la fibra di carbonio e la cottura in autoclave erano ancora "nella mente degli Dei", per la costruzione dei pannelli di irrigidimento e per la carrozzeria, veniva utilizzata fibra di vetro imbevuta di resina.
Così gli addetti alla vestizione del telaio ritagliavano a misura i pannelli di fibra utilizzando dei modelli simili a quelli da sartoria. Questi pannelli venivano fissati in punti prestabiliti del telaio e fissati con strisce e nastri di fibra che venivano poi impregnati di resina (tempo di essiccazione circa 6 ore); terminata la polimerizzazione il telaio nudo completo, che pesava complessivamente 47 kg (38 di traliccio più 9 di vetroresina) veniva verniciato, forato in punti prestabiliti e poi completato con tutti gli accessori necessari al montaggio delle singole componenti.
Dal reparto stampi poi uscivano le varie parti di carrozzeria, sempre in vetroresina, pronte per il finissaggio e la verniciatura. Rimarchevole il posizionamento dei tre serbatoi del carburante (35 + 35 + 30 litri) che, per bilanciare il peso del pilota a sinistra, venivano posizionati sul lato destro del telaio. I pannelli della carrozzeria erano composti, in funzione dell'ottenimento della massima leggerezza e rigidità, da uno strato di tessuto di fibra di vetro accoppiato ad uno strato di feltro, anch'esso imbevuto di resina, per uno spessore massimo totale, a polimerizzazione conclusa, variabile fra 1 ed 1,5 mm. Laddove serviva ulteriore rigidità, venivano utilizzati inserti di leggerissimo legno di balsa; il peso totale della carrozzeria, completa di fari e parabrezza, si aggirava sui 50 Kg.

Altra caratteristica di questa vettura erano i 4 radiatori sdoppiati: due dell'acqua, posti anteriormente e due dell'olio - ai lati dell'abitacolo - raffreddati dalle due grandi prese d'aria laterali che divennero il segno distintivo del modello. Queste ultime, come le prese d'aria anteriori, ospitavano anche le prese d'aria dei freni. L'esperienza in pista suggerì di dare maggior carico aerodinamico al retrotreno e per tale ragione si modificò il profilo dei parafanghi posteriori alle cui estremità vennero aggiunti due profili che divennero ulteriori segni distintivi della vettura. Nelle ultime versioni scomparvero i caratteristici gruppi ottici rettangolari anteriori e comparvero, in diverse fogge, delle alette posteriori verticali, sorta di piccoli "timoni", destinate a stabilizzare la vettura alle alte velocità. L'auto con il rapporto al ponte 10/35 raggiungeva i 270 km/h grazie ai 250 CV (260 nelle ultime versioni) erogati dal suo 4 cilindri due litri a doppia accensione alimentato da due carburatori Weber DCO3 da 58.e capace di 8.700 giri/minuto. Il motore era un superquadro con un alesaggio da 88 mm.(corsa 80 mm), rapporto di compressione 11,5:, 4 valvole per cilindro e doppia accensione con doppia bobina;

Telaio a traliccio in tubi di acciaio al cromo-molibdeno tipo 25CD4 e carrozzeria in vetroresina, cerchi anteriori 4,45/10/13 6.00/12x13 posteriori, di soli 97 cm era l'altezza da terra, 3,85 metri la lunghezza massima mentre la larghezza arrivava a 1,78 metri, il tutto per 575 kg di peso a vuoto, esattamente il peso minimo regolamentare. La distribuzione dei pesi, con pilota a bordo, era del 38% all'avantreno e del 62% sull'asse posteriore. Cambio a 5 marce con rapporto finale al ponte 10/35 (altri a richiesta), sospensioni anteriori e posteriori con molle a elica, ammortizzatori telescopici e barre stabilizzatrici. Anteriori a trapezi oscillanti e posteriori a bracci oscillanti. Questo modello, considerando il suo esclusivo utilizzo agonistico, fu decisamente longevo: entrato in produzione nel 1968, ne uscì nel 1971, dopo 4 anni ed altrettante evoluzioni.

Autore: Giovanni Notaro col quale mi complimento per il lavoro esaustivo e ben fatto. Unica correzione ed appunto, ho cambiato spyder in spider ed un a mò in a mo'. Mi scuso con l'autore. Wink



E_656 - 07 Dic 2017 08:19 am
Oggetto:
Grazie per la "lectio magistralis"! Very Happy

Quanto ho da imparare... a 52 anni! Mr. Green
lombricoferoce - 07 Dic 2017 11:06 pm
Oggetto:
Giuseppe lungi da me le lezioni, al massimo ti posso insegnare a fare i copia incolla in modo da ottenere qualcosa di sensato

Mi piace approfondire ogni tanto, più per mio piacere che per altro. Se poi non do fastidio meglio. Ma niente lezioni, solo informazioni, o spudorati OT Rolling Eyes
fantasmak - 08 Dic 2017 06:34 pm
Oggetto:
Smile felice

sotto:

Alfa Romeo 6C 1750 GS carrozzata da Touring nel 1933.

in mezzo:

Il possente muso della Triumph Roadster 2000 del 1949.

Motore a 4 cilindri con una cilindrata di 1776 cc. erogante 65 cv., poteva raggiungere la velocità di 121 km/h.

in basso:

Alfa Romeo Giulia GTAm. (Originale?).
lombricoferoce - 08 Dic 2017 09:42 pm
Oggetto:
sempre una più bella ed interessante dell'altra Very Happy
fantasmak - 10 Dic 2017 06:30 pm
Oggetto:
Smile felice

sotto:

Rolls Royce Silver Cloud III Cabriolet del 1965.

in basso:

Rolls Royce Silver Wraith II del 1979.
fantasmak - 11 Dic 2017 06:20 pm
Oggetto:


Bentley 8 Litre Tourer del 1931.
lombricoferoce - 11 Dic 2017 07:17 pm
Oggetto:
Che bella .....
fantasmak - 19 Dic 2017 06:33 pm
Oggetto:
Shocked Shocked Shocked

sotto:

Rolls Royce Silver Ghost Tourer del 1922.

in basso:

Rolls Royce Silver Ghost Rois Des Belges del 1911.
fantasmak - 19 Dic 2017 06:57 pm
Oggetto:
Very Happy

sotto:

Fiat Topolino C Cabrio.

in mezzo:

Fiat Abarth 1000 Replica del 1967.

in basso:

Rolls Royce Corniche Drophead Coupè in scala.

Con queste foto si conclude il breve reportage sulla kermesse di Padova.

E n d e.
lombricoferoce - 19 Dic 2017 07:29 pm
Oggetto:
Cosa si intende per replica? A questi livelli la parola replica ....

hai notizie più precise? Very Happy
fantasmak - 19 Dic 2017 07:39 pm
Oggetto:
Non so niente, era solamente indicata come replica.

Guido.
diablo - 20 Dic 2017 06:35 am
Oggetto:
fantasmak ha scritto:


Con queste foto si conclude il breve reportage sulla kermesse di Padova.

E n d e.


Grazie Guido Wink


fantasmak - 20 Dic 2017 08:48 am
Oggetto:
Wink

Guido.
E_656 - 20 Dic 2017 09:08 am
Oggetto:
Ciao Guido, mi associo ai ringraziamenti.
I tuoi reportages sono sempre preziosi e permettono a chi non può recarsi personalmente di apprezzare queste magnifiche auto.
fantasmak - 20 Dic 2017 01:01 pm
Oggetto:
Ciao Giuseppe. Sono contento di sentire che qualcuno apprezza il "lavoro" fatto. Mr. Green Wink

Guido.
lombricoferoce - 21 Dic 2017 12:31 pm
Oggetto:

In effetti hai fatto un ottimo lavoro ma magari la prossima volta metti qualche Rolls in meno .... Wink non sapevo che avessi bisogno di essere paccheggiato dolcemente sul capino per provare soddisfazione pensavo lo facessi per puro scopo umanitario ed altruistico, insomma una missione ... ma che dico missione ... per vocazione come un novello medico senza frontiere ma che dico medico... un missionario senza frontiere ... ma che dico ?

Va be' dai, ti ringrazio pure io ... e ti rifilo pure una




Grazie, Guido ma la prossima volta vediamo di andarci assieme Embarassed
fantasmak - 21 Dic 2017 12:53 pm
Oggetto:
lombricoferoce ha scritto:

Grazie, Guido ma la prossima volta vediamo di andarci assieme Embarassed



Ci mancherebbe. Wink

Guido.

PS: Franz, non ho bisogno di essere paccheggiato sul testone, ma avere almeno la soddisfazione che qualcuno guardi le foto. Nient'altro.
lombricoferoce - 21 Dic 2017 03:08 pm
Oggetto:
Hai avuto più di 1078 visualizzazioni solo "da fuori" .... non ti basta come soddisfazione Rolling Eyes

Very Happy
fantasmak - 21 Dic 2017 03:44 pm
Oggetto:
Poca roba.

Guido.
lombricoferoce - 21 Dic 2017 06:43 pm
Oggetto:
Il tuo secondo nome è Modesto, ne sono sicuro




fantasmak - 21 Dic 2017 07:23 pm
Oggetto:
Sì, Musorgskij.

Guido.
lombricoferoce - 21 Dic 2017 08:01 pm
Oggetto:
Non tirarmi fuori battutacce. Ciao buona notte Very Happy
fantasmak - 21 Dic 2017 08:37 pm
Oggetto:
'Notte. Wink

Guido.
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Powered by phpBB2 Plus based on phpBB