Made in Japan - Hideki Suzuki

diablo - 25 Ago 2008 11:45 pm
Oggetto: Hideki Suzuki
Diamo spazio anche a Hideki Suzuki e poi sarà compito di Piero darci maggiori informazioni!! Wink


Free Image Hosting by ImageBam.com
polinesiano - 26 Ago 2008 09:51 am
Oggetto:
Quello che lascia sbalorditi è la pulizia di montaggio e la ricerca del piccolo dettaglio... quasi, anzi totalmente maniacale!
piero63 - 26 Ago 2008 10:32 am
Oggetto:
Hideki Suzuki ha anche lui un suo sito.
Ho due suoi modelli la 917 Psichedelica coda lunga e la Jaguar XJR 8 Silk Cut. Si tratta di modelli con standard come sempre molto alto, ma secondo me inferiore ad altri. La verniciatura tende ad essere un po' più pesante e anche i vari particolari sono un filo inferiori ad altri. Per altro, senza averle viste dal vivo la serie di Stratos montate fatte per Make Up sembravano veramente pregevoli.
diablo - 26 Ago 2008 01:28 pm
Oggetto:
Piero una bella differenza tra il motore della 312T2 e quello della 312T3 di Suzuki Rolling Eyes
piero63 - 26 Ago 2008 03:53 pm
Oggetto:
Come dicevo, secondo me non è male, ma uno scalino sotto ad altri giapponesi.
diablo - 26 Ago 2008 09:25 pm
Oggetto:
Piero molto evidente, ma resta cmq molto bravo!!
piero63 - 27 Ago 2008 03:20 pm
Oggetto:
questo è l'ultimo modello prodotto da Suzuki

Eagle - 27 Ago 2008 04:48 pm
Oggetto:
No no... non ci siamo per niente... La basetta è oscena... Mr. Green Mr. Green Mr. Green
polinesiano - 27 Ago 2008 05:57 pm
Oggetto:
Eagle ha scritto:
No no... non ci siamo per niente... La basetta è oscena... Mr. Green Mr. Green Mr. Green


Ma il resto è da paura! Shocked

Peccato per la foto piccolina che non permette di apprezzare in pieno i particolari!

Si notano centinaia di dettagli!
diablo - 27 Ago 2008 06:33 pm
Oggetto:
Piero è Suzuki che ha rifatto la carrozzeria in ottone o mi confondo con un altro modellista giapponese???
piero63 - 27 Ago 2008 06:36 pm
Oggetto:
Ti ricordi bene, è Suzuki.
diablo - 27 Ago 2008 06:41 pm
Oggetto:
Grazie Piero!
Mi ricordo in un sito dove un modellista giapponese aveva fatto delle carrozzerie tutte in ottone.........
Eagle - 27 Ago 2008 09:19 pm
Oggetto:
polinesiano ha scritto:
Eagle ha scritto:
No no... non ci siamo per niente... La basetta è oscena... Mr. Green Mr. Green Mr. Green


Ma il resto è da paura! Shocked

Peccato per la foto piccolina che non permette di apprezzare in pieno i particolari!

Si notano centinaia di dettagli!


Poli, ovviemente scherzavo. Very Happy

Sarebbe interessante vedere alcune foto della carrozzeria in ottone e dell'eventuale wip.
diablo - 27 Ago 2008 09:50 pm
Oggetto:
Piacerebbe vederla chiusa!
piero63 - 27 Ago 2008 10:29 pm
Oggetto:
vedo di accontentare tutti






un paio di commenti: Come potete vedere le cinture con la trama una volta ingrandite sono, secondo me peggio di quelle della Tyrrell di Akihiro.
La verniciatura, soprattutto sul rosso, che dovrebbe essere fluorescente, rimane pesante.
Perchè dico dovrebbe essere fluorescente? Perchè i giapponesi di solito non verniciano con colori fluorescenti, per due motivi. Lo spessore della vernice e il fatto che il fluorescente tende a sbiadire con il tempo.
piero63 - 27 Ago 2008 10:36 pm
Oggetto:
posto anche qualche foto delle carrozzerie in ottone.
e dei due modelli che ho di Suzuki





diablo - 27 Ago 2008 10:44 pm
Oggetto:
Piero le cinture non sono il massimo della perfezione.........preferisco quelle della Tyrrel.......la vernice è pesante sul posteriore dove ci sono le due prese d'aria........chiusa è perfetta come trovo molto pulito il montaggio del telaio!
diablo - 27 Ago 2008 10:48 pm
Oggetto:
Notevole la perfezione dei vetri della Porsche....anche il bordo nero con il macro è perfetto!! Uguale a quella della ABC in scala 1/12........ Mr. Green

Vedo che ha rifatto anche il telaio non solo la carrozzeria Shocked
piero63 - 28 Ago 2008 06:41 am
Oggetto:
E' sicuramente un bel modello (parlo della McLaren) ma c'è un altro particolare che non mi fa impazzire. Anche se le decal non sono in scala preferisco vedere la trama della fibra di carbonio che non il nero opaco.
polinesiano - 28 Ago 2008 11:59 am
Oggetto:
Eagle ha scritto:


Poli, ovviemente scherzavo. Very Happy


Avevo capito l'ironia Eagle Wink

Piero sono d'accordo con il discorso carbonio/carrozzeria nera.
Il particolare era difficilissimo da notare nelle prime foto!
polinesiano - 28 Ago 2008 12:07 pm
Oggetto:
Ho una curiosità..... Rolling Eyes

Questi GURU del modellismo rifanno anche gli pneumatici? Question
diablo - 28 Ago 2008 01:32 pm
Oggetto:
Citazione:

Ho una curiosità.....

Questi GURU del modellismo rifanno anche gli pneumatici?


Angelo non voglio sbagliarmi ma ho visto da qualche parte i pneumatici rifatti Rolling Eyes
polinesiano - 28 Ago 2008 01:54 pm
Oggetto:
Li ho notati anch'io perciò chiedevo!
piero63 - 28 Ago 2008 01:56 pm
Oggetto:
Spesso li rifanno tornendo l'ABS, che sulle gomme attuali slick va bene, ma sulle gomme con battistrada invece non è il massimo.
Anonymous - 28 Ago 2008 02:00 pm
Oggetto:
A volte sono molto meglio i pneumatici presi dalla serie. tant'è che sulla Lotus (Kamimura) di piero mi pare siano stati trapiantati paro paro dalla Quartzo.
diablo - 28 Ago 2008 02:09 pm
Oggetto:
Citazione:

di piero mi pare siano stati trapiantati paro paro dalla Quartzo.


Ho notato questo particolare conoscendo quelli originali del kit.........forse Piero ne sa di più!
polinesiano - 28 Ago 2008 03:10 pm
Oggetto:
Io, che ho la vista meno allenata della vostra su questi dettagli, ho semplicemente notato la fusione in un unico pezzo! Rolling Eyes
piero63 - 28 Ago 2008 04:39 pm
Oggetto:
Si, sulla 49 Akihiro aveva usato le gomme, ma non i cerchi, della Quartzo.
E lo stesso aveva fatto, usando però quelli della Vitesse, sulla Elise.
Il problema nasce di solito dal fatto che le ruote del modello di serie spesso non sono uguali a quelle del kit, quindi a volte le gomme del diecast sono inutilizzabili.
diablo - 28 Ago 2008 04:46 pm
Oggetto:
Piero molto dipende dalla preparazione del pneumatico.......di solito Vincenzo è attento nella realizzazione........poi tutto dipende da chi stampa le gommine Rolling Eyes Ho parlato ultimamente con Rino Robustelli del problema gomme !
piero63 - 28 Ago 2008 06:47 pm
Oggetto:
Il problema tornendo l'ABS è che non c'è verso di riprodurre i battistrada.
Ma la tenuta dovrebbe essere illimitata.
polinesiano - 28 Ago 2008 06:59 pm
Oggetto:
piero63 ha scritto:
Il problema tornendo l'ABS è che non c'è verso di riprodurre i battistrada.
Ma la tenuta dovrebbe essere illimitata.


....la qual cosa non è un particolare da trascurare!
diablo - 28 Ago 2008 09:46 pm
Oggetto:
Citazione:

Ma la tenuta dovrebbe essere illimitata


Garantito!
piero63 - 29 Ago 2008 05:08 pm
Oggetto:
Io con le garanzie non mi arrischio.
Ma la durata dovrebbe essere sufficiente.
diablo - 29 Ago 2008 07:10 pm
Oggetto:
Piero in tuti i casi una durata nel tempo è sicuro.........i normali pneumatici realizzati prima da Codolo e successivamente dalla BRM non si sono dimostrati il massimo della qualità Rolling Eyes
piero63 - 30 Ago 2008 01:57 pm
Oggetto:
Non ti so dire comunque che durata avranno questi, vedremo.
Mettiamo qualche altra foto.



Mi piacerebbe vedere foto più dettagliate ma qualcosa di pregevole si intravede già.
polinesiano - 30 Ago 2008 02:42 pm
Oggetto:
Mi auguro (come appassionato collezionista) che durino tanto perchè una simile bellezza lo merita! Very Happy
piero63 - 30 Ago 2008 02:53 pm
Oggetto:
Come si può vedere anche un Feeling 43 può essere montato decentemente.....
diablo - 30 Ago 2008 04:48 pm
Oggetto:
Citazione:

Come si può vedere anche un Feeling 43 può essere montato decentemente.....


Direi stupenda conoscendo il kit da panico Evil or Very Mad
Piero conosci il costo solo per curiosità??
piero63 - 30 Ago 2008 04:52 pm
Oggetto:
No, potrei dire intorno ai 5000, però non saprei.
diablo - 30 Ago 2008 09:21 pm
Oggetto:
Piero considerando la pessima qualità dei kit Feeling43 diciamo che ha ottenuto un ottimo risultato.........se poi paragoniamo i modelli di Klaus che ho a casa (sotto prezzati 1800 eurini) non sono eccessivi 5000 euro che chi puo.....!!
piero63 - 31 Ago 2008 08:19 am
Oggetto:
Ti ho detto una cifra indicativa ma magari ballano duemila € in difetto.... o in eccesso.........
Quando si entra in questo mondo il valore effettivo del modello è più difficile da quantificare. Tieni conto che i factory built della P4 andavano verso i 4000€ e non erano certo montati bene.
diablo - 31 Ago 2008 11:32 am
Oggetto:
Piero vedere una 330 P4 con gli sportelli apribili non è semplice come al 512M..........tutte quelle che ho visto di P4 hanno gli sportelli fixed

Il primo problema resta farli chiudere bene e il secondo sistemare la resina assurda usata da Feeling..........non si scalda e si spacca!

Un amico presente sul forum ha una 250 P factory built e non la trovo per niente fatta male........ma lontano dalla qualità della 330 P4
diablo - 31 Ago 2008 11:46 am
Oggetto:
Torniamo alla 126C2 fatta da Suzuki!


Free Image Hosting by ImageBam.com
piero63 - 31 Ago 2008 05:22 pm
Oggetto:
Si tratta di un montaggio molto pulito, con uno standard ottimo. In genere mi sembra un filino inferiore sia a quello di Hayakawa sia a quello di Kamimura. L'unica cosa che veramente non mi piace è quel filo blu nel retro.
polinesiano - 31 Ago 2008 06:33 pm
Oggetto:
Lo trovi fuori scala? Question
piero63 - 31 Ago 2008 06:42 pm
Oggetto:
Sia un po' grossa, sia non mi ricordo di averla vista su altri modelli.
Ma sulla C2 bisogna rendere omaggio ad Hayakawa che è stato il primo a montarla a questi livelli. Il Bosica sembrava un giocattolino al confronto.
diablo - 31 Ago 2008 10:07 pm
Oggetto:
Piero riguardo a quel bendetto tubicino blu non ho mai capito di che misura bisogna metterlo....... Rolling Eyes per il resto un montaggio pulito, ma piace molto quella di Kamimura !
piero63 - 01 Set 2008 05:36 am
Oggetto:
Di quella di Kamimura invece bisogna leggere il diary perchè anche li del kit originario sono rimasti pochissimi pezzi....
diablo - 03 Set 2008 04:09 am
Oggetto:
Devo riguardare le foto della 126C2 di kamimura!
Piero hai il diary??
piero63 - 03 Set 2008 06:36 am
Oggetto:
Il diary ce l'ho, devo solo trovare il dischetto dove l'avevo salvato. Sul nuovo sito non l'ha ancora messo.
piero63 - 03 Set 2008 07:58 pm
Oggetto:
Ecco le foto della Lancia Stratos Make Up (riedizione del Racing 43) montato da Suzuki.









Eagle - 04 Set 2008 10:32 am
Oggetto:
Se non è un capolavoro questo!!! Forse, a trovare il pelo nell'uovo, in tanta bellezza "stonano" un pò le ruote in abs anche se devo dire che con questa soluzione le ruote sono "eterne".
Piero se non sbaglio non è propriamente una riedizione ma è un kit apribile di Racing 43 venduto a Make Up con le decals Alitalia in esclusiva per loro. Infatti Ivano Chiapatti non vende il kit apribile con quelle decals ma con altre. Correggimi se sbaglio.

Ecco una parte del kit di Racing43:

polinesiano - 04 Set 2008 10:39 am
Oggetto:
Spettacolare nel dettaglio Shocked

Molto sottotono rispetto al resto il gruppo pneumatico/cerchio. Confused
piero63 - 04 Set 2008 05:18 pm
Oggetto:
Vi dirò... I giapponesi possono fare anche di meglio.
Comunque si tratta di un gran bel modello che peraltro avevo anche ordinato. Poi passando il tempo ho rinunciato per il mio orientamento verso i modelli chiusi attuale. Per quanto riguarda il kit so per certo che si trattava di una versione in esclusiva per Make Up e probabilmente oltre alle decal c'erano anche delle fotoincisioni in più. Per quanto riguarda il modello la cosa che mi piace di più sono i puntoni delle sospensioni posteriori.
Riguardo alle gomme in ABS ne abbiamo già parlato diverse volte.
A modello chiuso non sono male. Una volta aperto stonano.
diablo - 04 Set 2008 09:39 pm
Oggetto:
Piero molto bella e pulito il lavoro di Suzuki.......chissa nelle mani di kamimura!! Rolling Eyes
diablo - 04 Set 2008 09:41 pm
Oggetto:
Eagle ma non avevi fatto fare una Stratos??
piero63 - 05 Set 2008 07:59 am
Oggetto:
Eagle ha un modello di Suzuki?
diablo - 07 Set 2008 11:38 pm
Oggetto:
Citazione:

Eagle ha un modello di Suzuki?


Non credo!! Rolling Eyes Rolling Eyes
piero63 - 08 Set 2008 06:01 am
Oggetto:
Lui non ha risposto, però..........
Eagle - 08 Set 2008 06:39 pm
Oggetto:
Ehm... L'unica cosa che ho è una Suzuki montata da Minichamps Mr. Green scherzo Wink

Ho una Stratos di Racing43, chiusa, standard. Ai modelli giapponesi non ho ancora pensato sinceramente.
piero63 - 08 Set 2008 10:07 pm
Oggetto:
Non ti sei ancora convertito....
diablo - 08 Set 2008 11:32 pm
Oggetto:
Citazione:

Non ti sei ancora convertito....


Eagle si è convertito di religione e sesso.......... Mr. Green

Cmq è un bel impegno economico e penso che prima di spendere delle cifre bisogna essere convinti!
Eagle - 09 Set 2008 12:37 am
Oggetto:
diablo ha scritto:
Citazione:

Non ti sei ancora convertito....


Eagle si è convertito di religione e sesso.......... Mr. Green

Cmq è un bel impegno economico e penso che prima di spendere delle cifre bisogna essere convinti!



Ti piacerebbe vero? Laughing

Indubbiamente l'impegno economico per un modello del genere è grande ma alla fine tutto è relativo. C'è chi preferisce avere in collezione 500 modelli da edicola, chi 30 modelli tipo Bbr e chi piuttosto uno solo ma di qualità elevatissima (pochi). E' questione di possibilità economica ma anche e soprattutto di scelte.
Di solito la maggioranza di noi colleziona per gradi... Solitamente si parte da modellini di fascia bassa per poi via via salire di qualità o ovviamente prezzo. Nel caso dei modelli "giapponesi" il gradino è alto e non tutti sono in grado di capire il valore di questi lavori. Non tutti si possono permettere modelli da 5000 euro (e oltre) e, semplicemente, non tutti decidono di spendere tale cifra per un modellino, pur avendo la disponibilità economica.
Per quanto mi riguarda sono ancora scettico... Non metto in discussione la qualità e la finezza di queste opere ma... un modello lo si guarda senza lente di ingrandimento... L'occhio umano, senza lenti e ausili artificiali, è in grado di percepire queste differenze oppure a distanza di 70 centimetri, un Bbr sembra uguale a un Momose?
Ultima cosa... Questi modelli costano tanto anche per via dello Yen forte? Le ore lavorative in Giappone costano più che le ore lavorative di un modellista europeo. Tutto sommato questi modelli sono realizzati partendo da kit (anche se stravolti) e non sono realizzati partendo totalmente da zero come nel caso di un'opera di Bosica. Allora mi domando... Quanto verrebbe a costare uno degli ultimi lavori di Vincenzo Bosica (il motore della 126C2 tanto per fare un esempio) se questi fosse nato in Giappone?
batigol - 09 Set 2008 01:34 am
Oggetto:
Eagle ha scritto:
diablo ha scritto:
Citazione:

Non ti sei ancora convertito....


Eagle si è convertito di religione e sesso.......... Mr. Green

Cmq è un bel impegno economico e penso che prima di spendere delle cifre bisogna essere convinti!



Ti piacerebbe vero? Laughing

Indubbiamente l'impegno economico per un modello del genere è grande ma alla fine tutto è relativo. C'è chi preferisce avere in collezione 500 modelli da edicola, chi 30 modelli tipo Bbr e chi piuttosto uno solo ma di qualità elevatissima (pochi). E' questione di possibilità economica ma anche e soprattutto di scelte.
Di solito la maggioranza di noi colleziona per gradi... Solitamente si parte da modellini di fascia bassa per poi via via salire di qualità o ovviamente prezzo. Nel caso dei modelli "giapponesi" il gradino è alto e non tutti sono in grado di capire il valore di questi lavori. Non tutti si possono permettere modelli da 5000 euro (e oltre) e, semplicemente, non tutti decidono di spendere tale cifra per un modellino, pur avendo la disponibilità economica.
Per quanto mi riguarda sono ancora scettico... Non metto in discussione la qualità e la finezza di queste opere ma... un modello lo si guarda senza lente di ingrandimento... L'occhio umano, senza lenti e ausili artificiali, è in grado di percepire queste differenze oppure a distanza di 70 centimetri, un Bbr sembra uguale a un Momose?
Ultima cosa... Questi modelli costano tanto anche per via dello Yen forte? Le ore lavorative in Giappone costano più che le ore lavorative di un modellista europeo. Tutto sommato questi modelli sono realizzati partendo da kit (anche se stravolti) e non sono realizzati partendo totalmente da zero come nel caso di un'opera di Bosica. Allora mi domando... Quanto verrebbe a costare uno degli ultimi lavori di Vincenzo Bosica (il motore della 126C2 tanto per fare un esempio) se questi fosse nato in Giappone?

Vedi che quando ti applichi riesci a scrivere cose assolutamente esatte ?
A parte gli scherzi , continuerò ad ammirare le opere dei Jap in generale, ma le domande che pone Max sono davvero giuste (poi io sarò anche troppo di parte, ma quando mi si parla di Vincenzo .....)
piero63 - 09 Set 2008 06:30 am
Oggetto:
Comprendo il tuo punto di vista anche se non lo condivido del tutto.
Premesso che quando si avvicina alle fasce top il valore economico di un oggetto un po' sfuma.
A 70 centimetri non c'è una gran differenza tra un modello giapponese, tra un One Man Factory, un BBR, un die cast ma anche un modello da edicola.
M asfido chiunque, a 70 centimetri di distanza a riconoscere un Rolex finto da uno vero, o una Lacoste finta da una falsa. Qui almeno la differenza è più visibile.
Se ti piace guardare un modello da lontano penso che sia assolutamente fuori luogo avvicinarsi a questo tipo di modellismo.
Questi modelli hanno ragione d'essere se uno apprezza che un retrovisore invece che dare una pennellata di argento (tempo due minuti) venga pazientemente svuotato, poi venga presa una lastra di alluminio ritagliata a misura perfetta e poi lucidata con passate varie fino a diventare a specchio (tempo diverse ore, per non dire giorni).
Qui quello che paghi è anche un'abilita' non comune. Prendi un montatore qualsiasi e digli di farti certi lavori e difficilmente otterrà dei risultati simili.
Perchè certe cose sono veramente difficili da ottenere.
Un'ultima nota riguardo allo Yen. Per fortuna con l'€ si è svalutato rispetto alla nostra moneta altrimenti sarebbero veramente impossibili da comprare.
diablo - 09 Set 2008 02:49 pm
Oggetto:
Un buon montaggio è fattibile........ma la differanza e nei singoli particolari dove si mette a dura prova l'abilità del montatore!!
piero63 - 09 Set 2008 08:37 pm
Oggetto:
Oltre che ai singoli particolari devo dire che io sono un fanatico della verniciatura.
Eagle - 09 Set 2008 08:56 pm
Oggetto:
piero63 ha scritto:
A 70 centimetri non c'è una gran differenza tra un modello giapponese, tra un One Man Factory, un BBR, un die cast ma anche un modello da edicola.
Questi modelli hanno ragione d'essere se uno apprezza che un retrovisore invece che dare una pennellata di argento (tempo due minuti) venga pazientemente svuotato, poi venga presa una lastra di alluminio ritagliata a misura perfetta e poi lucidata con passate varie fino a diventare a specchio (tempo diverse ore, per non dire giorni).


Sono assolutamente d'accordo con te. Ti cito l'esempio del motore Bosica perchè è forse l'opera modellistica più bella della mia collezione... Ebbene, questo motore va guardato da vicino e, per ammirare alcuni dettagli, serve quasi la lente di ingrandimento. Oltre un certo livello di dettaglio alcuni particolari si perdono e si rischia di non apprezzare completamente il lavoro fatto se non si è preparati e non si conosce la mole di lavoro che c'è stata per ultimare quel "modello"... Però non mi torna una cosa... Io sento parlare di automodelli assemblati in Giappone per 10, 15.000 euro... Un Momose, un Kamimura, e via discorrendo, non sono pezzi unici pensati, progettati, realizzati, montati esclusivamente da una sola persona; un Bosica si. I modelli di Momose & Co. derivano in un certo qual modo da kit, utilizzano a volte pezzi aftermarket ma... costano di più di un Bosica. Questo non riesco a spiegarmi.

piero63 ha scritto:
Qui quello che paghi è anche un'abilita' non comune. Prendi un montatore qualsiasi e digli di farti certi lavori e difficilmente otterrà dei risultati simili.
Perchè certe cose sono veramente difficili da ottenere.


Qui mi trovi ancora d'accordo con te. Sono io il primo a dire che un lavoro non va quantificato per ore impiegate ma solo e soltanto per il risultato ottenuto. Tuttavia le ore impiegate incidono sul prezzo di un modello. Certo in questi casi si paga anche il fatto che pochi riescono a raggiungere questi livelli. Se vuoi il top, lo paghi, altrimenti ti "accontenti" di altro.
Non riesco a credere comunque che solo questi modellisti giapponesi riescano ad ottenere simili risultati.

piero63 ha scritto:
Un'ultima nota riguardo allo Yen. Per fortuna con l'€ si è svalutato rispetto alla nostra moneta altrimenti sarebbero veramente impossibili da comprare.


Comunque il reddito medio pro capite in Giappone è maggiore.
piero63 - 09 Set 2008 10:10 pm
Oggetto:
Qualche chiarimento.
Modelli da 10000€ non ce ne sono tanti neanche in Giappone.
Direi che una media realistica per un modello giapponese si attesta sui 3000 - 4000 €, e siamo comunque su cifre veramente ragguardevoli.
Quando parli di Bosica non so a cosa ti riferisci. Certro che i modelli li progetta lui e fa tutto da solo. Ma l'unico modello di cui ha realizzato un esemplare unico è la Laverda 750. Per il resto si tratta di serie più o meno piccole.
Non oso pensare a quello che nsarebbe costato un Bosica in esemplare unico.
Molti dei modelli giapponesi sono invece in esemplare unico.
Addirittura Kamimura non ripete mai un modello che ha già fatto. E' unico in questo, ma si tratta comunque di serie molto limitate, e in ogni caso più limitate dei modelli fatti dai montatori europei.
Quando dici che ti sembra strano che non ci sia in Europa qualcuno che monti a questi livelli, sarà triste, ma purtroppo è così. Ci sono diversi che si avvicinano, ma a certi livelli non ci arrivano.
diablo - 09 Set 2008 10:54 pm
Oggetto:
Citazione:

Quando dici che ti sembra strano che non ci sia in EUropa qualcuno che monti a questi livelli, sarà triste, ma purtroppo è così. Ci sono diversi che si avvicinano, ma a certi livelli non ci arrivano.


Una realtà!
piero63 - 09 Set 2008 11:01 pm
Oggetto:
Non volevo certo sminuire Bosica con il mio intervento.
Ma solo puntualizzare certe cose.
Eagle - 09 Set 2008 11:44 pm
Oggetto:
diablo ha scritto:
Citazione:

Quando dici che ti sembra strano che non ci sia in EUropa qualcuno che monti a questi livelli, sarà triste, ma purtroppo è così. Ci sono diversi che si avvicinano, ma a certi livelli non ci arrivano.


Una realtà!



Dite? Forse in questa scala, non saprei.
diablo - 09 Set 2008 11:47 pm
Oggetto:
Citazione:

Dite? Forse in questa scala, non saprei


Perchè conosci qualcuno in Europa più bravo dei vari kamimura & Co ???
piero63 - 09 Set 2008 11:49 pm
Oggetto:
Eagle vuole tenerci sulle spine.
Eagle - 09 Set 2008 11:51 pm
Oggetto:
Piero, non so perchè ma non riesco a vedere un modello di Momose (o altri) come esemplare unico. Sono d'accordo che realizza molti pezzi a mano ma si tratta pur sempre di un montaggio di un kit, per quanto stravolto ed elaborato.
Bosica avrà pur fatto 60 pezzi (o 50?) della seconda serie del motore ma io li vedo tutti e 60 come pezzi unici perchè ha realizzato da zero (e dico da zero) tutto, partendo da documentazioni, foto e pezzi originali, ogni singolo pezzo. Sarà contorto come ragionamento ma la penso così.
piero63 - 09 Set 2008 11:53 pm
Oggetto:
E' assolutamente vero. Ma del motore ne ha fatti credo cento. Ognuno è un capolavoro, ma ce ne sono altri 99 (ho idea anche qualcuno in più) in giro.
Eagle - 09 Set 2008 11:59 pm
Oggetto:
diablo ha scritto:
Citazione:

Dite? Forse in questa scala, non saprei


Perchè conosci qualcuno in Europa più bravo dei vari kamimura & Co ???



Diciamo che non ho mai visto nulla di meglio in foto. Ho visto comunque lavori dove molti particolari hanno lo stesso livello qualitativo.
diablo - 10 Set 2008 12:00 am
Oggetto:
Citazione:

Ho visto comunque lavori dove molti particolari hanno lo stesso livello qualitativo


Simile ai giapponesi........?? Rolling Eyes
Eagle - 10 Set 2008 12:03 am
Oggetto:
piero63 ha scritto:
E' assolutamente vero. Ma del motore ne ha fatti credo cento. Ognuno è un capolavoro, ma ce ne sono altri 99 (ho idea anche qualcuno in più) in giro.



Ecco un altro mio ragionamento contorto: a me non importa quanti pezzi sono stati fatti del modello che acquisto; non mi importa quanto è rara una cosa. quando ce l'ho in casa non vedo le altre mille copie vendute ma vedo la mia. Se Leonardo da Vinci avesse fatto 100 quadri "uguali" alla Gioconda, per me la Gioconda sarebbe lo stesso un pezzo unico e avrebbe sempre lo stesso valore. La Stratos di Suzuki non è un pezzo unico in quanto esistono in giro altri mille kit. E' l'unica montata da lui. Abbastanza contorto? Wink
piero63 - 10 Set 2008 12:03 am
Oggetto:
Sinceramente non ne ho mai visti nel loro insieme.
Nicola Ricco, Roberto Quaranta e anche Mario Bona in certi aspetti potevano essere paragonati, ma nell'insieme c'è ancora un certo divario.
Se ci sono altri facci sapere.
batigol - 10 Set 2008 12:06 am
Oggetto:
A Firenze si dice:" poggio e buca fa piano!"
Cosa voglio dire: OGNI motore di Bosica è fatto di sana pianta partendo da zero, ma ce ne sono comunque , diciamo, un centinaio in giro per il mondo.
Un montato di un Jap ha sempre una base più o meno valida di partenza ma, nel caso peggiore, si parla di pochissimi pezzi (tre ? quattro? non lo so) e di conseguenza rarissimi.
Resta il fatto che, come ho già detto in un altro post , quando si parla di Vincenzo , non riesco ad essere completamente imparziale !!
diablo - 10 Set 2008 12:09 am
Oggetto:
Citazione:

Ecco un altro mio ragionamento contorto


Molto contorto!! Mr. Green

Franco a mio avviso Vincenzo va visto e apprezzato da un punto di vista tecnico dove difficilmente trovi paragoni........sul discorso montaggio.......non saprei.........
piero63 - 10 Set 2008 12:17 am
Oggetto:
Sul discorso montaggio sul motore non c'è praticamente niente da dire.
Sui modelli completi secondo me invece il discorso era diverso.
Tornando alla rarità anche a me non interessa particolarmente, tanto che non ho mai comprato un obsoleto in vita mia. e il primo modello giapponese che ho desiderato è la 908 Bicicletta che Hayakawa ha fatto in almeno dieci esemplari.
Contestavo solo il fatto che il Bosica sia un pezzo unico.
Per altro il motore della C2 è veramente fantastico e giapponese sotto tutti i punti di vista. Se vuoi proprio trovare un difetto i fili delle candele non mi fanno impazzire.
batigol - 10 Set 2008 12:18 am
Oggetto:
diablo ha scritto:
Citazione:

Ecco un altro mio ragionamento contorto


Molto contorto!! Mr. Green

Franco a mio avviso Vincenzo va visto e apprezzato da un punto di vista tecnico dove difficilmente trovi paragoni........sul discorso montaggio.......non saprei.........

Questo è vero, infatti secondo me Vincenzo non è da annoverare fra i montatori, si rimane estasiati nell'ammirare l'attrezzo che lui si costruisce per.......costruire un pezzo che altrimenti sarebbe impossibile realizzare in scala !
piero63 - 10 Set 2008 12:19 am
Oggetto:
batigol ha scritto:
diablo ha scritto:
Citazione:

Ecco un altro mio ragionamento contorto


Molto contorto!! Mr. Green

Franco a mio avviso Vincenzo va visto e apprezzato da un punto di vista tecnico dove difficilmente trovi paragoni........sul discorso montaggio.......non saprei.........

Questo è vero, infatti secondo me Vincenzo non è da annoverare fra i montatori, si rimane estasiati nell'ammirare l'attrezzo che lui si costruisce per.......costruire un pezzo che altrimenti sarebbe impossibile realizzare in scala !

Assolutamente d'accordo.
diablo - 10 Set 2008 12:22 am
Oggetto:
Citazione:

Se vuoi proprio trovare un difetto i fili delle candele non mi fanno impazzire.


Ne ho parlato con Vincenzo quando è venuto a Maranello a consegnare il motore in Ferrari.......insomma non usando del filo rosso da 0,3 ha utilizzato del filo di rame tirato tipo le corde di chitarra..........
batigol - 10 Set 2008 12:23 am
Oggetto:
Comunque , rientrando un po' di più nel topic, spero un giorno di vedere DAL VIVO all'opera Kamimura, senza disdegnare uno qualsiasi degli altri beninteso !!!
diablo - 10 Set 2008 12:25 am
Oggetto:
Citazione:

spero un giorno di vedere DAL VIVO all'opera Kamimura


Hai detto tutto!!!
piero63 - 10 Set 2008 12:32 am
Oggetto:
Tranquillo, non sono geloso della mia collezione.
diablo - 10 Set 2008 12:34 am
Oggetto:
Citazione:

Tranquillo, non sono geloso della mia collezione.


Allora se mi porto via un pezzo non fa differenza?? Mr. Green
piero63 - 10 Set 2008 12:36 am
Oggetto:
Beh adesso non esageriamo.... guardare e non portare via....
diablo - 10 Set 2008 12:42 am
Oggetto:
.......se porto via un Kamimura sarà pure difficile piazzarlo visto che ne fa sempre uno di modello Mr. Green
Eagle - 10 Set 2008 12:44 am
Oggetto:
Tranquillo Max, se mi fai un prezzaccio te lo prendo poi io... Mr. Green
diablo - 10 Set 2008 12:46 am
Oggetto:
Citazione:

Tranquillo Max, se mi fai un prezzaccio te lo prendo poi io...


Poi se lo vendi a IKS lo saprà tutto il mondo in 3 minuti! Mr. Green !
Eagle - 10 Set 2008 12:52 am
Oggetto:
diablo ha scritto:
Citazione:

Tranquillo Max, se mi fai un prezzaccio te lo prendo poi io...


Poi se lo vendi a IKS lo saprà tutto il mondo in 3 minuti! Mr. Green !



Guarda, l'unico che non deve venirlo a sapere è Piero. Laughing
Iks vorrà cambiare la basetta però... con lui in tutti i forum potremo ammirare quel modello in very high definition Laughing
diablo - 10 Set 2008 12:54 am
Oggetto:
Max hai detto due cose vere..........ma preferisco vederli dal vivo da Piero Wink
batigol - 10 Set 2008 12:57 am
Oggetto:
Comunque a me un po', Markino mi manca ....
diablo - 10 Set 2008 01:01 am
Oggetto:
Citazione:

Comunque a me un po', Markino mi manca ....


Anche a me ma preferisce giocare con l'Apple.............
scherzo e forse ho esagerato con lui..........
polinesiano - 10 Set 2008 10:19 am
Oggetto:
diablo, tu esageri in tutto quello che fai.... nel bene e nel male....! Mr. Green

D'altronde anch'io sono così! Rolling Eyes
diablo - 10 Set 2008 11:32 am
Oggetto:
Ritornando al topic...........sarei curioso di sapere chi è il cliente della A112 Abarth, non è la solita Ferrari o vettura Lemans..... Rolling Eyes
piero63 - 10 Set 2008 11:13 pm
Oggetto:
Non saprei, ma credo che sia giapponese.
diablo - 11 Set 2008 03:05 am
Oggetto:
In effetti da quelle parti le A112 sono molto gradite!
piero63 - 13 Set 2008 01:01 am
Oggetto:
Non dovrei dirlo, ma òa prima macchina che mi è stata intestata è stata in effetti una A112 Elite color camoscio............. Mi è andata meglio nel modellismo Very Happy
diablo - 13 Set 2008 01:07 am
Oggetto:
Citazione:

Mi è andata meglio nel modellismo


Nel montaggio di sicuro....... Mr. Green
piero63 - 17 Set 2008 08:56 am
Oggetto:
Torniamo alle immagini.
Un modello di Suzuki che non mi fa impazzire.




diablo - 17 Set 2008 09:47 am
Oggetto:
Un montaggio molto pulito..........ma sarà per il tipo di vettura???
batigol - 17 Set 2008 02:53 pm
Oggetto:
diablo ha scritto:
Un montaggio molto pulito..........ma sarà per il tipo di vettura???

Secondo me si, il soggetto a livello modellistico sa veramente di poco ...Comunque vera la prendo volentieri ! Very Happy
polinesiano - 17 Set 2008 03:50 pm
Oggetto:
Se intendi che vi sono pochi particolari ti capisco......
diablo - 17 Set 2008 05:30 pm
Oggetto:
Questoè il problema delle vetture moderne.........già una Daytona avrebbe dato un immagine diversa!
Eagle - 17 Set 2008 07:12 pm
Oggetto:
Beh, è un ottimo montaggio.
Il problema è dei modelli delle vetture moderne piuttosto. Ci sono pochi particolari, le carrozzerie sono pulite e filanti, i motori sono tutti uguali e coperti da parti di plastica che non lasciano vedere cavi, fili e tubi, ecc... Se volessi farmi montare un modello a questi livelli, sicuramente opterei per una vettura degli anni 30/60.
batigol - 17 Set 2008 07:46 pm
Oggetto:
polinesiano ha scritto:
Se intendi che vi sono pochi particolari ti capisco......

Si Angelo, intendevo questo,l'auto non la discuto !!
diablo - 17 Set 2008 08:41 pm
Oggetto:
Citazione:

sicuramente opterei per una vettura degli anni 30/60.


idem!

Citazione:

Si Angelo, intendevo questo,l'auto non la discuto !!


Franco cosa noti di più rispetto ad un Tecnomodel?? Rolling Eyes
batigol - 18 Set 2008 03:18 am
Oggetto:
diablo ha scritto:
Citazione:

sicuramente opterei per una vettura degli anni 30/60.


idem!

Citazione:

Si Angelo, intendevo questo,l'auto non la discuto !!


Franco cosa noti di più rispetto ad un Tecnomodel?? Rolling Eyes


Il prezzo ....
piero63 - 18 Set 2008 08:19 am
Oggetto:
Non sono completamente d'accordo.
Le macchine moderne hanno si meno particolari, ma a ben guardare neanche tanto. Per contro esigono montaggi pulitissimi e particolari più "tecnologici".
In questo modello non vedo niente che ti dia un'emozione. Per esempio la griglia posteriore io l'avrei preferita riprodotta con una retina stampata, che chiaramente non potrà mai avere una trama in scala, ma secondo me avrebbe rappresentato quel quid che giustifica un modello del genere.
diablo - 18 Set 2008 10:21 am
Oggetto:
Ha fatto cmq un buon montaggio!
piero63 - 18 Set 2008 12:50 pm
Oggetto:
Ma sinceramente non spenderei mai 2000 o 3000€ per un modello del genere.
diablo - 18 Set 2008 12:55 pm
Oggetto:
Citazione:

mai 2000 o 3000€ per un modello del genere


Non ti ha colpito da quello che leggo!! Rolling Eyes
batigol - 18 Set 2008 03:40 pm
Oggetto:
piero63 ha scritto:
Non sono completamente d'accordo.
Le macchine moderne hanno si meno particolari, ma a ben guardare neanche tanto. Per contro esigono montaggi pulitissimi e particolari più "tecnologici".
In questo modello non vedo niente che ti dia un'emozione. Per esempio la griglia posteriore io l'avrei preferita riprodotta con una retina stampata, che chiaramente non potrà mai avere una trama in scala, ma secondo me avrebbe rappresentato quel quid che giustifica un modello del genere.

Anche io, Piero, non sono completamente d'accordo con me stesso !
Nel senso che ho voluto solo "esagerare" scrivendo che l'unica differenza è il prezzo !
diablo - 23 Set 2008 11:38 pm
Oggetto:
Citazione:

Non sono completamente d'accordo.
Le macchine moderne hanno si meno particolari, ma a ben guardare neanche tanto. Per contro esigono montaggi pulitissimi e particolari più "tecnologici".
In questo modello non vedo niente che ti dia un'emozione. Per esempio la griglia posteriore io l'avrei preferita riprodotta con una retina stampata, che chiaramente non potrà mai avere una trama in scala, ma secondo me avrebbe rappresentato quel quid che giustifica un modello del genere.


Manca qualcosa......... Rolling Eyes
piero63 - 24 Set 2008 10:22 am
Oggetto:
Checcosa?
diablo - 24 Set 2008 11:51 am
Oggetto:
Piero la mia era una domanda.........sorry! Embarassed

Cmq da quello che ho capito non ti piace la F430, hai fatto riferimento alla griglia posteriore, ma non credo che sia l'unico problema......manca ancora altro che non fa scattere in te un certo interesse!
piero63 - 24 Set 2008 01:02 pm
Oggetto:
Come ho già detto è un modello che non mi piace, primo perchè già non mi piace granchè la macchina in partenza, secondo non vedo proprio niente nel montaggio che giustifichi certe cifre. Magari vedendo il diary cambierei idea........
diablo - 24 Set 2008 01:03 pm
Oggetto:
Adesso sei stato molto chiaro!! Very Happy
piero63 - 24 Set 2008 01:05 pm
Oggetto:
Certo che se costasse trecento € sarebbe diverso....
diablo - 24 Set 2008 01:08 pm
Oggetto:
Citazione:

Certo che se costasse trecento € sarebbe diverso....


Se devo dirti la verità prima di dare un impotetico valore, mi piacerebbe vederla da vicino! In foto non è il massimo........ma come dici tu bisognerebbe vedere il diary per capire!
piero63 - 24 Set 2008 03:21 pm
Oggetto:
In ogni caso entrano in gioco altri fattori.
Kamimura ha rifatto completamente la GTO o la GT 40. Sono modelli per cui sarei stato disposto a spendere anche di più di quello che ho speso. Ma per una 360 proprio non avrei avuto voglia di investire qualcosa di più.
diablo - 24 Set 2008 07:21 pm
Oggetto:
La scelta del modello è molto importante.....
piero63 - 24 Set 2008 10:17 pm
Oggetto:
L'unico modello che non avrei mai pensato di prendere è l'Alfa Duetto.
diablo - 24 Set 2008 10:20 pm
Oggetto:
Ma alla fine è un vero gioiellino.......io lo trovo più fantastico dal vivo che dalle foto!
piero63 - 24 Set 2008 11:20 pm
Oggetto:
Hai ragione, anche perchè le foto non sono state fatte da Kamimura o da Momose.
diablo - 25 Set 2008 02:22 am
Oggetto:
Quando ci vediamo devo vederla di nuovo........... Razz
piero63 - 25 Set 2008 05:09 pm
Oggetto:
Ti aspetto.
diablo - 25 Set 2008 05:57 pm
Oggetto:
A presto.......ma hai ricevuto il messaggio?? Rolling Eyes
piero63 - 25 Set 2008 08:31 pm
Oggetto:
Ti ho risposto, non avevo ancora controllato i turni.
diablo - 25 Set 2008 08:47 pm
Oggetto:
Ricevuto e confermo! Very Happy
piero63 - 25 Set 2008 08:50 pm
Oggetto:
A presto, allora. Piuttosto vieni Domenica a Novegro?
diablo - 25 Set 2008 08:53 pm
Oggetto:
Piero non credo perchè in ritardo con la consegna di due apribili! Decido sabato sera......ti faccio sapere!
piero63 - 25 Set 2008 09:00 pm
Oggetto:
Okkidokki
piero63 - 25 Set 2008 09:41 pm
Oggetto:
Grazie a photobucket riesco a postare le foto che ho della 917 psichedelica di Suzuki.











[img]http://i532.photobucket.com/albums/ee328/pierotecchio63/917lhmak_016.jpg[img][/img]

La verniciatura è un po' pesante, le cinture di sicurezza sicuramente migliorabili e l'alettone è stato verniciato dopo essere stato montato sulla carrozzeria; il cruscotto per contro è pregevole, così come il modello in generale.
diablo - 27 Set 2008 10:22 am
Oggetto:
Il modello è ben fatto, dal cruscotto alla posa delle decals! Riguardo l'alettone anche se verniciato dopo il risultato è buono! Cmq dal vivo è molto più bello Very Happy
polinesiano - 27 Set 2008 11:01 am
Oggetto:
Il cruscotto lo trovate solo pregevole? Shocked

Io lo trovo stupendo.

Sottotono le guide dei cristalli laterali. Confused

Ci avrei visto bene delle fotoincisioni.... Wink
piero63 - 27 Set 2008 01:31 pm
Oggetto:
Anche io trovo il cruscotto stupendo, ma trovo anche molto migliorabili le cinture di sicurezza.
Le guide dei cristalli laterali sono in plastica per cui la soluzione migliore è incidere i vetri, soluzione non facile, in cui Hayakawa è maestro.
polinesiano - 27 Set 2008 03:00 pm
Oggetto:
Piero fammi capire le guide ci sono ma sono in plastica? Question
diablo - 27 Set 2008 04:52 pm
Oggetto:
Citazione:

Piero fammi capire le guide ci sono ma sono in plastica?


Si Angelo sono in plastica........ho visto quelle incise da Hayakawa e sono ben fatte
piero63 - 27 Set 2008 10:55 pm
Oggetto:
In effetti non sono delle vere e proprie guide, quanto un finestrino che si apre, fatto anch'esso in plastica.
diablo - 28 Set 2008 01:54 am
Oggetto:
Anche se la verniciatura è un po pesante, piace tutta la parte laterale del modello dove trovo ben fatte le linee e la posa delle decals.
Interessante sapere o vedere come ha fatto a fare la verniciatura nella parte centrale dei cerchi posteriori! Rolling Eyes
batigol - 28 Set 2008 03:39 am
Oggetto:
Massimo, secondo me è fatta a pennello.
piero63 - 28 Set 2008 07:12 am
Oggetto:
Se l'ha fatta a pennello poi la anche carteggiata.
diablo - 28 Set 2008 11:58 am
Oggetto:
Citazione:

Massimo, secondo me è fatta a pennello.


Se è cosi....si tratta di un mostro di precisione e pulizia considerando la scala! Rolling Eyes
piero63 - 28 Set 2008 07:45 pm
Oggetto:
Comunque non mi stupirei che avesse mascherato e vernicaito a spruzzo. Questi sono lavori che non li spaventano.
diablo - 28 Set 2008 08:15 pm
Oggetto:
Piero se la parte centrale è divisa quello che dici è fattibilei........altrimenti appendo la pinzetta al chiodo Mr. Green
polinesiano - 28 Set 2008 08:23 pm
Oggetto:
Propendo per la tesi del pennello.....

Se si ingradisce la foto si nota che la demarcazione tra i colori non è netta.
polinesiano - 28 Set 2008 08:27 pm
Oggetto:
Credo che questa foto renda l'idea di cosa dico:


diablo - 28 Set 2008 08:30 pm
Oggetto:
Angelo mi hai preceduto, stavo per salvare la foto per ingrandirla Mr. Green
batigol - 28 Set 2008 10:40 pm
Oggetto:
polinesiano ha scritto:
Credo che questa foto renda l'idea di cosa dico:


Infatti, in questo caso non vedo nulla di eccezionale , anzi !
diablo - 28 Set 2008 11:00 pm
Oggetto:
Franco è chiaro che con questo ingrandimento puoi vedere di tutto! Rolling Eyes
batigol - 28 Set 2008 11:14 pm
Oggetto:
diablo ha scritto:
Franco è chiaro che con questo ingrandimento puoi vedere di tutto! Rolling Eyes

Lo so Massimo, è inutile continuare a parlare degli ingrandimenti di queste foto che ci fanno vedere difetti che dal vero sono invisibili ma, allora, o postiamo foto più piccole (io non sarei d'accordo) o scriviamo quello che si vede, almeno che non vogliamo solo dire "wow" "uau" ecc..
Tornando al particolare "incriminato" , io non avrei saputo fare meglio, ma resta il fatto che per me non è un particolare così eccezionale, tutto qui.
diablo - 28 Set 2008 11:16 pm
Oggetto:
Citazione:

ma resta il fatto che per me non è un particolare così eccezionale, tutto qui.


Sono d'accordo!
polinesiano - 29 Set 2008 09:36 am
Oggetto:
Ragazzi secondo me, dal vero, le razze dei cerchi saranno al massimo qualche millimetro..... Rolling Eyes
diablo - 29 Set 2008 09:57 am
Oggetto:
Angelo dal vivo sono ben fatte! Come dice Franco bisogna postare le foto in scala! Wink
polinesiano - 29 Set 2008 11:01 am
Oggetto:
Appunto.... è un particolare su cui riflettere!

C'è una cura del dettaglio che fa paura.
batigol - 29 Set 2008 02:03 pm
Oggetto:
polinesiano ha scritto:
Appunto.... è un particolare su cui riflettere!

C'è una cura del dettaglio che fa paura.

Angelo, l'ho scritto che a grandezza naturale i "difetti" sparirebbero, ma qui ,con questi ingrandimenti si vedono (quelle rare volte che ci sono !!) e allora li commentiamo.
Resta l fatto , per quanto mi riguarda e come ho già detto, che vorrei avvicinarmi a questo standard qulaitativo !!
piero63 - 29 Set 2008 02:53 pm
Oggetto:
Se posso dire, viste dal vero non sono così male. Poi sostengo che è proprio a questi ingrandimenti che si differenziano i giapponesi dal resto del mondo. E quuesto particolare in foto non è certo eccezionale.
polinesiano - 29 Set 2008 09:32 pm
Oggetto:
Franco a chi lo dici? Very Happy Very Happy Very Happy Neanche a me dispiacerebbe.....
diablo - 29 Set 2008 10:31 pm
Oggetto:
Citazione:

Se posso dire, viste dal vero non sono così male


Piero se è il modello visto da te......lo trovo fantastico! Wink
Eagle - 29 Set 2008 11:49 pm
Oggetto:
Ragazzi, quel modello 1/43 diventa lungo un metro ingrandito in quel modo. Ovvio che si notino cose che l'occhio umano non vede. Prendete un cerchio BBR e ingranditelo in questo modo, poi possiamo parlare di differenze e di difetti. Wink
piero63 - 30 Set 2008 06:08 am
Oggetto:
Personalmente non lo trovo fantastico, solo molto buono. Ma in diverse cose è un filino sotto ad altri. Cercherò delle foto di 917 fatte da Hayakawa per confrontare i cerchi.
Ma come ho già detto su modelli di questo livello è chiaro che si deve guardare le cose in un altro modo rispetto ad un BBR. Altrimenti certe cifre sarebbero veramente improponibili.
piero63 - 30 Set 2008 07:51 am
Oggetto:
ecco le foto che ho trovato:


Proverò ad ingrandirle
polinesiano - 30 Set 2008 08:44 am
Oggetto:
Infatti.... troppo piccole purtroppo!
diablo - 30 Set 2008 09:53 am
Oggetto:
Piero quale kit?
piero63 - 30 Set 2008 11:21 am
Oggetto:
Questo credo che fosse il Paddock.
diablo - 30 Set 2008 07:51 pm
Oggetto:
Sai se il retrotreno è dettagliato come la tua 917K??
piero63 - 30 Set 2008 09:47 pm
Oggetto:
Si, si tratta di un modello con il retrotreno dettagliato.
diablo - 30 Set 2008 10:18 pm
Oggetto:
Piero tra la tua e questa in foto, quale preferisci?
piero63 - 01 Ott 2008 12:37 am
Oggetto:
Se intendi come versione la mia, mi piace molto di più senza le pinne posteriori.
come modelli non saprei
diablo - 01 Ott 2008 10:00 am
Oggetto:
Anch'io preferisco la tua versione......
piero63 - 01 Ott 2008 07:00 pm
Oggetto:
E inoltre la 917 Salzburg assieme alla Gulf e alla psichedelica sono le versioni che preferisco.
batigol - 01 Ott 2008 09:00 pm
Oggetto:
Anche io preferisco le versioni senza pinne, riguardo alla livrea dico che , per me , la Gulf è "la" livrea Porsche per eccellenza.
piero63 - 01 Ott 2008 09:53 pm
Oggetto:
Però la Salzburg è la prima Porsche che ha vinto a Le Mans, come dire, una pietra miliare.
batigol - 01 Ott 2008 10:11 pm
Oggetto:
piero63 ha scritto:
Però la Salzburg è la prima Porsche che ha vinto a Le Mans, come dire, una pietra miliare.

Io mi limitavo a dire come bellezza (secondo me ) e senza disprezzare le altre, naturalmente.
Eagle - 02 Ott 2008 01:11 am
Oggetto:
piero63 ha scritto:
Personalmente non lo trovo fantastico, solo molto buono. Ma in diverse cose è un filino sotto ad altri. Cercherò delle foto di 917 fatte da Hayakawa per confrontare i cerchi.
Ma come ho già detto su modelli di questo livello è chiaro che si deve guardare le cose in un altro modo rispetto ad un BBR. Altrimenti certe cifre sarebbero veramente improponibili.



Sono d'accordo.
Era solo per dire che se un cerchio di un BBR venisse igrandico in quel modo, sarebbe a dir poco osceno. Questo, tutto sommato, se la cava lo stesso. Wink
piero63 - 02 Ott 2008 07:25 am
Oggetto:
Premesso che i gusti sono gusti, i colori Gulf li lego alla bicicletta più che alla 917.
diablo - 02 Ott 2008 10:39 am
Oggetto:
Citazione:

Premesso che i gusti sono gusti, i colori Gulf li lego alla bicicletta più che alla 917


Non ti piace? Rolling Eyes
batigol - 02 Ott 2008 12:53 pm
Oggetto:
piero63 ha scritto:
Premesso che i gusti sono gusti, i colori Gulf li lego alla bicicletta più che alla 917.

E' la prima volta che sento qualcuno a cui non piacciono i colori Gulf, ma come hai detto anche tu , Piero, i gusti sono gusti; a parte questo,mi dici a quale bicicletta ti riferisci?
piero63 - 02 Ott 2008 04:45 pm
Oggetto:
Non ho detto assolutamente che non mi piace. Solo preferisco l'altra versione. Per la bicicletta intendo la Porsche 908/03 bicicletta (Targa Florio)
Eagle - 02 Ott 2008 04:50 pm
Oggetto:
E pensare che a me piacciono proprio solo per la colorazione Gulf. Io però sono fuori di testa Mr. Green
piero63 - 02 Ott 2008 08:18 pm
Oggetto:
A me personalemente piace molto la colorazione Marlboro (intendo quella bianca e arancione fluorescente, non certo quella attuale delle Ferrari)e poi la mia preferita è la Dupont arcobaleno. Ma qui andiamo nell'estremamente personale.
batigol - 02 Ott 2008 08:34 pm
Oggetto:
piero63 ha scritto:
Non ho detto assolutamente che non mi piace. Solo preferisco l'altra versione. Per la bicicletta intendo la Porsche 908/03 bicicletta (Targa Florio)

Ok Piero, grazie, anche perchè non ero a conoscenza di questo "soprannome"
piero63 - 02 Ott 2008 08:38 pm
Oggetto:
La chiamavano bicicletta perchè aveva un passo cortissimo.
E già che ci siamo vi diro' che mi piacciono tantissimo le macchine a passo corto. (Donne lunghe e macchine corte.........)
diablo - 02 Ott 2008 11:59 pm
Oggetto:
Piero per come la vedo io, la colorazione Marlboro la vedo solo sulla Mclaren Team F1
piero63 - 03 Ott 2008 01:12 am
Oggetto:
A me non dispiace anche sulla McLaren F1 GTR e anche sulla Ferrari 308 GTB Bahia.
diablo - 03 Ott 2008 01:23 am
Oggetto:
Sai ne parlavo ieri con batigol e penso che la colorazione Marlboro (oltre il Team Mclaren) si adatta a poche vetture........la F1 GTR è un bella supercar!
piero63 - 03 Ott 2008 07:06 am
Oggetto:
Certo che sulla McLaren di Formula stava proprio bene.
diablo - 03 Ott 2008 10:39 am
Oggetto:
Le versioni che mi fanno impazzire sono la M23 di Hunt e la MP4/6 di Senna! Razz
piero63 - 03 Ott 2008 11:24 am
Oggetto:
Concordo pienamente. Tra l'altro la M23 di Hunt dovrebbe essere la prima con la vernice fluorescente.
diablo - 03 Ott 2008 11:58 am
Oggetto:
Ad essere sincero metto al primo posto la M23......le vetture F1 anni '70 e 80' mi fanno impazzire Razz
piero63 - 03 Ott 2008 01:56 pm
Oggetto:
A me piacevano molto la March 711, La Ferrari 312 T e T2, la Tyrrell a 6 ruote e anche la Brabham BT44
diablo - 03 Ott 2008 02:13 pm
Oggetto:
Anche la BT44 e la Tyrrell mi fanno impazzire.......diciamo che le vetture degli anni 70-80 hanno un fascino particolare!
piero63 - 03 Ott 2008 04:08 pm
Oggetto:
Quelle attuali possono piacere per la grafica (come ad esempio la Honda del 2007) ma come linea sono tutte molto simili(il software secondo me è lo stessoper tutti...)
Negli anni 70 la solfa era ben diversa.
diablo - 03 Ott 2008 04:52 pm
Oggetto:
Citazione:

(il software secondo me è lo stessoper tutti...)


Piero intendi voce del vernbo copiare...... Mr. Green

Scherzi a parte le vetture degli anni 70-80 erano tutte diversi tra loro.....con regolamemti ben diversi!!
piero63 - 03 Ott 2008 09:37 pm
Oggetto:
Ho dimenticato anche la Wolf WR1 e la Arrows A1.
batigol - 03 Ott 2008 09:42 pm
Oggetto:
Secondo me, la più brutta di quegl anni , senza specificare quale, è senz'altro più bella e soprattutto con maggior "personalità"( si può dire per un'auto?) di quelle di oggi !!
piero63 - 03 Ott 2008 10:28 pm
Oggetto:
batigol ha scritto:
Secondo me, la più brutta di quegl anni , senza specificare quale, è senz'altro più bella e soprattuto con maggior "personalità"( si può dire per un'auto?) di quelle di oggi !!


E aggiungo che il più brutto Gran Premio di quegli anni + più bello dei Gran Premi di adesso.
diablo - 03 Ott 2008 11:37 pm
Oggetto:
Mr. Green Mr. Green
piero63 - 05 Ott 2008 11:58 pm
Oggetto:
Tornando al Giappone, purtroppo anche loro non aggiornano più i loro siti frequentemente.
diablo - 06 Ott 2008 12:01 am
Oggetto:
Questo dispiace perchè è sempre interessante vedere le ultime novità!
piero63 - 06 Ott 2008 07:12 am
Oggetto:
e soprattutto quelli bravi non fanno più diary completi...
diablo - 06 Ott 2008 10:40 am
Oggetto:
Citazione:

e soprattutto quelli bravi non fanno più diary completi...


Questo dispiace ancora di più! Sad

Piero sarà il fatto che sono sempre più impegnati a fare modelli??
piero63 - 06 Ott 2008 10:39 pm
Oggetto:
Non saprei.
Forse dopo una fase in cui prevaleva la voglia di fare vedere le loro produzioni sono passati ad una in cui si occupano solo di montare. E inoltre potrebbe esserci anche la poca voglia da parte di alcuni collezionisti di condividere le opere che ancdranno nella loro collezione con chicchessia.
diablo - 07 Ott 2008 12:44 am
Oggetto:
Citazione:

Forse dopo una fase in cui prevaleva la voglia di fare vedere le loro produzioni sono passati ad una in cui si occupano solo di montare.


Un po tutti i montatori fanno cosi!
polinesiano - 07 Ott 2008 07:39 am
Oggetto:
Io la chiamo pubblicità Rolling Eyes
piero63 - 07 Ott 2008 04:38 pm
Oggetto:
Non so se sia effettivamente pubblicità. In Giappone avevano la mania di mettere in rete tutto quanto producevano, ma questo ben prima dell'avvento dei vari blog.
Eagle - 08 Ott 2008 11:32 am
Oggetto:
E' vero che in Giappone hanno questa mania, o abitudine, ma è semplice arrivare alla conclusione di Polinesiano...

Monto modelli, sono uno dei più bravi in giro ma mi conoscono in pochi. Che faccio? Metto in rete un bel sito con i wip... Mi faccio un nome...

... Ora che il nome me lo sono fatto, tutti mi conoscono e vendo modelli d'elite... aggiorno il sito quando ho tempo e voglia, tanto i miei lavori si vedranno lo stesso su internet perchè tutti apprezzano i miei lavori ormai... Poi un pò di mistero non guasta... Wink

A questi livelli un sito aggiornato non serve più. A volte può essere addirittura controproducente mettere troppo in mostra.

E' normale.

Anche Bosica ha un sito ma non lo aggiorna spesso, anzi, ha poche foto e degli ultimi lavori non c'è nemmeno l'ombra.
piero63 - 13 Ott 2008 11:14 pm
Oggetto:
Vedo le cose in maniera lievemente diversa.
In ogni caso non paragonerei Vincenzo ai giapponesi.
polinesiano - 14 Ott 2008 09:31 am
Oggetto:
Piero, Bosica ed i Jappi sono diametralmente opposti come stile ma il marketing è uguale in tutto il mondo Wink
diablo - 15 Ott 2008 01:53 am
Oggetto:
Citazione:

Anche Bosica ha un sito ma non lo aggiorna spesso, anzi, ha poche foto e degli ultimi lavori non c'è nemmeno l'ombra.


Ma scusa Max, ma quali sono gli ultimi modelli fatti da Vincenzo a parte il motore?? Rolling Eyes
Eagle - 15 Ott 2008 11:29 am
Oggetto:
Porsche? Anche se non è ultimata...
Comunque sul sito non ci sono nemmeno le foto del motore ora.

Il mio discorso comunque era puramente sul marketing. Wink
piero63 - 15 Ott 2008 11:50 pm
Oggetto:
Sinceramente fare del marketing per vendere due modelli all'anno non lo vedo tanto.
Ecco invece le foto della 917 Psichedelica nell'interpretazione di Hayakawa

diablo - 16 Ott 2008 12:00 am
Oggetto:
A parte il bullone centrale, la posa delle decals nella linea è molto più precisa!
piero63 - 16 Ott 2008 12:02 am
Oggetto:
ma anche l'aspetto delle ruote è migliore nettamente
diablo - 16 Ott 2008 12:07 am
Oggetto:
Verniciatura decisamente più leggera rispetto al modello di Suzuki!
piero63 - 16 Ott 2008 12:20 am
Oggetto:
Sulla verniciatura Hayakawa non si discute!
diablo - 16 Ott 2008 12:26 am
Oggetto:
Piero basta vedere le due piccole aperture sul cofano!
piero63 - 16 Ott 2008 12:56 am
Oggetto:
Ma anche come ha lavorato la chiusura del cofano, intendo quella in metallo.
diablo - 16 Ott 2008 12:59 am
Oggetto:
Parli del gancetto laterale che lo trovo ben fatto rispetto a Suzuki.....cmq la tua fatta da Suzuki è molto bella!
piero63 - 16 Ott 2008 01:15 am
Oggetto:
Si, ma rispetto a questa segna il passo in parecchi punti.
diablo - 17 Ott 2008 08:04 pm
Oggetto:
Piero non ho capito quale trovi migliore
piero63 - 17 Ott 2008 10:46 pm
Oggetto:
Quella di Hayakawa secondo me è nettamente migliore
diablo - 20 Ott 2008 11:12 pm
Oggetto:
Sul suo sito non ci sono foto ??
piero63 - 20 Ott 2008 11:58 pm
Oggetto:
No le sto scannerizzando.
diablo - 22 Set 2013 04:31 am
Oggetto:
Riporto su questo topic con questo modello molto interessante...


















andreaceccarelli72 - 22 Set 2013 10:05 am
Oggetto:
Shocked Shocked
lombricoferoce - 22 Set 2013 11:46 am
Oggetto:
Bel modello, veramente, sebra vero. primopremio Rappresenta una B.M.W. Isetta 300

Come da richiesta scritta di padron Diablo ....

La Isetta è una macchina italiana che fece fortuna all'estero sempre per i soliti motivi che pure oggi imperversano .. il potere Fiat in Italia che non risparmiò neppure la bella Vespa 400 che dovette essere prodotta e venduta in Francia per sopravvivere.

Fu prodotta dalla Iso tra il 1953 ed il 1956. Inizialmente il progetto prevedeva 3 ruote ma poi dopo un capitombolo in prova si optò per 4. Le posteriori erano così vicine da non necessitare del differenziale. Allo stato di prototipo montava un motore 2 tempi di 198 cm³ che passò a a 236 cm³, con potenza massima di 9,5 cv. Questa vetturetta partecipò ad alcune Mille Miglia. C'era anche la versione pick-up e furgonata.
L’auto era completamente innovativa, lunga 2 metri e 25 e con un consumo di 1 litro di carburante per 25 Km, aveva un unico grande portellone anteriore che ora sembra fatto proprio per semplificare il parcheggio. Un assale posteriore a larghezza ridotta che come detto eliminava il differenziale, ma consentiva un’ottima tenuta di strada sui fondi sconnessi. In pratica, Rivolta ed i suoi progettisti non avevano solo ideato una mini car originale per il periodo del dopoguerra, ma avevano lanciato la filosofia delle city car, con prestazioni di tutto rispetto per allora, se si considera che alla Mille Miglia del 1954 l’Isetta della Iso, si aggiudicò l’indice delle prestazioni e mantenne una media oraria superiore ai 70 Km, a fronte di una velocità massima di 85 Km/h.

Rispetto alla sorella italiana, la BMW 250 mantenne quasi per intero il corpo vettura, tranne alcuni particolari, come il nuovo disegno della griglia di raffreddamento ed il nuovo cofano motore posteriore. Altre modifiche stavano nella posizione più rialzata dei fari anteriori ed internamente nell'installazione di un piccolo impianto di riscaldamento. Dal punto di vista della meccanica, la modifica più evidente stava nel nuovo motore monocilindrico, non più a due, ma a quattro tempi, e della cilindrata di 245 cm³. Tale motore, derivato da quello della moto R25/3, erogava una potenza massima di 12 CV contro i 9,5 CV della versione Iso, ed inoltre disponeva di un albero a gomiti con supporti rinforzati. Differente anche la frizione, stavolta del tipo monodisco a secco. Le prestazioni velocistiche rimasero comunque le stesse della Isetta italiana. L'avantreno era diverso in quanto adottava delle vere e proprie molle elicoidali in acciaio. La B.M.W produsse vari tipi di Isetta la 250 a tre ruote, la 300 a 4 ruote e la 600 che rassomigliava ad un Buondì Motta. In Germania ed in Austria se ne vedevano tantissime, Io me le ricordo molto bene, in Austria, complici le difficoltà del dopoguerra erano comunissime assieme alle Lloyd 600.

Le Isetta furono esportate negli USA e prodotte su licenza in Francia dalla Velam (Quiralu), in Brasile dalla Romi, e poi in Spagna e Belgio. E' stata copiata dalla Heinkel (Corgi Toys) e prodotta su sua licenza in Inghilterra dalla Trojan e nel 1957 su licenza B.M.W dalla Isetta of Great Britain che produceva la 300 nell’ex stazione di Brighton, cittadina situata sulla costa meridionale dell' Inghilterra nella contea dell'East Sussex. Una curiosità, la fabbrica non aveva un collegamento stradale ed il materiale da assemblare veniva portato via treno idem dicasi per le auto finite, uscivano su vagoni.









Le foto sono solo di Isetta 300


Servus
Eagle - 22 Set 2013 12:39 pm
Oggetto:
Il kit è Tin Wizard, vero?
diablo - 23 Set 2013 08:15 pm
Oggetto:
Franco, padron Diablo ringrazia... Wink

@ Max, non lo so! Rolling Eyes

Lo trovo un bel modello e alcuni dettagli sono fantastici...


Eagle - 23 Set 2013 09:21 pm
Oggetto:
diablo ha scritto:
Franco, padron Diablo ringrazia... Wink

@ Max, non lo so! Rolling Eyes

Lo trovo un bel modello e alcuni dettagli sono fantastici...




A me pare un Tin Wizard, ma potrei sbagliarmi.

Qui siamo di fronte a un capolavoro!!! Poche storie.
Il rivestimenti dei sedili, il cestino, i fanali torniti, i paraurti cromati, le cornici dei vetri... Tutto perfetto!
Preciso e molto pulito.
Forse la portiera non chiude perfettamente e lascia uno spiraglio ma il metallo di questo kit non è dei più sottili e dei più precisi. Si poteva fare qualcosa? Credo poco in questo caso.
A voler trovare il pelo nell'uovo, che tutto sommato non c'è o è davvero piccolo, noto solo qualche piccolissima sbavatura di verniciatura dove il blu tocca il bianco, si intravede anche al di sopra del filetto laterale. Ma resta comunque un gioiellino. Perchè?
Beh... pensate alle dimensioni effettive di questo modello, in scala 1/43.
E' piccolo, davvero piccolo...
E' più piccolo di una Fiat 500 in scala 1/43, e già la 500 è minuta in questa scala...
Non è facilissimo lavorarci e il kit in questione, se non mi sbaglio a credere che sia un vecchio Tin Wizard, non aiuta molto...

...
Eagle - 23 Set 2013 09:32 pm
Oggetto:
...
diablo - 24 Set 2013 10:21 am
Oggetto:
Messerschmitt KR200









fantasmak - 24 Set 2013 10:58 am
Oggetto:
Bello il Mivalino Messerschmitt.Ma a quei tempi esistevano i colori metalizzati?
Guido
diablo - 24 Set 2013 11:08 am
Oggetto:
Guido, non lo so, forse Franco avrà qualche notiziola in più... Rolling Eyes

In generale lo trovo un bel modello, in particolare il parasole, portapacchi e retrovisori.




lombricoferoce - 24 Set 2013 11:29 am
Oggetto:
Beh, direi a Guido che se è una Messerschmitt non può essere una MI-VAL Mivalino Wink
vergogna risatona
Presentato al Salone del Ciclo e Motociclo nel 1953, era costruito su licenza della Messerschmitt quale copia del KR175 tedesco.

La MI-VAL: nasce nel 1950 a Gardone Val Trompia ad opera del bolognese Ettore Minganti e altri soci, tra cui la fabbrica d'armi Pietro Beretta (inizialmente il marchio significa MInganti VALtrompia, successivamente Metalmeccanica Italiana VALtrompia). Le prime motociclette prodotte (125 T) sono una copia quasi perfetta della DKW 125, sia nel propulsore che nella ciclistica.

risatona

La famosa "Kabinenroller" .
Paternità: Fritz Fend, un ufficiale tecnico nella Luftwaffe ed un ingegnere aeronautico. Ha lavorato per la Messerschmitt e ….. babbo dei Kabinenroller KR175 / KR200 .
Dopo la guerra progettò veicoli a tre ruote per invalidi ed ad un certo punto da questa idea nacque il Fend 150 una microcar a tre ruote che poteva ospitare 2 persone. Volendo produrre il mezzo a livello industriale Fend contattò Willy Messerschmitt la cui industria non navigava in buone acque. Il buon Willy pur di risanare i bilanci accettò la collaborazione e così nacque il Kabinenroller KR175 nel 1953 e il KR200 nel '55 e che continuò fino al '64 con vari sviluppi del mezzo ad esempio la versione cabrio. Nel 1956 entra in scena la FMR alias Fahrzeug-und Maschinenbau GmbH.
Nel 1956 la Messerschmitt ricomincia costruire aerei e quindi l'interesse per il Kabinenroller cessa ma autorizza la FMR ad utilizzare marchio e logo per continure la produzione del KR200 che continuerà fino al 1972. Nel frattempo nasce la TG500, siamo nel '58 e la produzione finirà nel '61. Fend inizialmentecominciò a vender il mezzo con il marchio Tiger ma la Krupp rivendicò il nome e così nacque la nomenclatura in uso normalmente ossia FMR TG500. Il mezzo usava telaio Messerschmitt Kabinenroller, aveva un motore di 494 cc Fichtel & Sachs 2 cilindri, 2 tempi raffreddato ad ari di 19,5 cv, 4 marce più retromarcia - passo 1,885 m - lunghezza 3 metri circa - larghezza 1,270 m - altezza 1,240 m - peso a vuoto di 389 kg. Camminava a 126 kmh. Ne furono costruiti 320, dimenticavo aveva 4 ruote. Prezzo era 3.650 Marchi. Costava come una macchina più o meno.
Erroneamente viene chiamato Messerschmitt.

Il tutto scopiazzato da roba mia già scopiazzata

http://amgmodels.mastertopforum.com/collezione-di-lombricoferoce-vt3742.html?start=450&postdays=0&postorder=asc&highlight=

Servus
Cheerleader_by_CookiemagiK
diablo - 24 Set 2013 11:53 am
Oggetto:
lombricoferoce ha scritto:

Il tutto scopiazzato da roba mia già scopiazzata

http://amgmodels.mastertopforum.com/collezione-di-lombricoferoce-vt3742.html?start=450&postdays=0&postorder=asc&highlight=

Servus
Cheerleader_by_CookiemagiK


Grazie Franco, allora la prossima volta andrò a scopiazzare direttamente nella tua collezione...



fantasmak - 24 Set 2013 12:46 pm
Oggetto:
Mi sembra che le prime Mival costruite su licenza Messerschmitt nel 1954 (KR-175) fossero chiamate Mival-Messerschmitt.Sul modellino si puo' vedere anteriormente lo stemma della MI-VAL e lateralmente la scritta "Messerschmitt".Probabilmente mi sbaglio.
Guido
diablo - 20 Ott 2013 02:13 am
Oggetto:
Messerschmitt KR200 Super

Breve introduzione scopiazzando in giro...

Nel 1955, al fine di provare la durata della KR200, la Messerschmitt preparò un KR200 per battere il record di velocità di 24 ore per i veicoli a tre ruote fino a 250 cc. Per ottenere ciò al veicolo diventò un monoposto e gli fu data una carrozzeria molto aerodinamica oltre che un motore molto modificato rispetto a quello di serie mentre le sospensioni, lo sterzo e componenti frenanti rimasero di serie. I cavi dell'acceleratore, freno e frizione furono duplicati. Presso il circuito di Hockenheim la vetturetta si aggiudicò 22 record internazionali di velocità della sua categoria, tra cui il record di velocità di 24 ore, 103 km di media (64 miglia orarie).


Qualche foto...




Un breve video...

http://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=CBBbRuVmL_k

Il modello realizzato da Hideki Suzuki...





lombricoferoce - 20 Ott 2013 09:38 am
Oggetto:
Bella riproduzione Smile felice 3

Il colore ....?
ramapao69 - 20 Ott 2013 11:11 am
Oggetto:
Bel montaggio di un modellino molto originale e piacevole, avrei preferito la versione bianca e azzurra della foto....tra l'altro ci sono molti rivetti che sarebbe stato bello veder riprodotti da un "maestro" simile.....
andreaceccarelli72 - 20 Ott 2013 11:39 am
Oggetto:
Scusate l''ignoranza... in che scala è??
1/43?
ramapao69 - 20 Ott 2013 12:27 pm
Oggetto:
andreaceccarelli72 ha scritto:
Scusate l''ignoranza... in che scala è??
1/43?


Penso proprio di sì Wink non ho idea di che kit sia quello di partenza o se ha fatto tutto da solo....alla Suzuki-maniera Mr. Green Mr. Green
andreaceccarelli72 - 20 Ott 2013 02:08 pm
Oggetto:
[/quote]

Penso proprio di sì Wink non ho idea di che kit sia quello di partenza o se ha fatto tutto da solo....alla Suzuki-maniera Mr. Green Mr. Green[/quote]

Comunque sia è un gioiellino!!

P.S.: a me sembra in 1/87 4__3_2 4__3_2
fantasmak - 20 Ott 2013 02:53 pm
Oggetto:
Molto bello e ben montato e verniciato,anche se sarebbe stato piu' interessante di color bianco.A vederlo dalle foto non mi sembra che sia nella scala dei treni in H0.

Guido
andreaceccarelli72 - 20 Ott 2013 02:54 pm
Oggetto:
fantasmak ha scritto:
Molto bello e ben montato e verniciato,anche se sarebbe stato piu' interessante di color bianco.A vederlo dalle foto non mi sembra che sia nella scala dei treni in H0.

Guido


Guido, la mia era una battuta!! Smile felice 3 Smile felice 3
fantasmak - 20 Ott 2013 03:02 pm
Oggetto:
Scusa Andrea,non l'avevo capito Embarassed
Guido
Eagle - 20 Ott 2013 03:33 pm
Oggetto:
Potrebbe essere un kit Metal43 opportunamente rivisto.

Il montaggio è senza dubbio molto pulito.
Belli i fanalini. Precisa la posa del piccolo parabrezza.
Sbaglio o mancano dei rivetti sulla fiancata del veicolo?
Nel taglio della "carena" si nota una leggerissima colatura di vernice, anche per l'ingrandimento, ma è anche vero che il modello è davvero piccolo.

Peccato anche per quelle feritoie posteriori non proprio parallele, ma non è di certo facile realizzare questi tagli sulla carrozzeria. In questo caso poteva realizzare una fotoincisione per inserita poi nella scocca?

Qualche dubbio riguardo la verniciatura...
rosso27 - 20 Ott 2013 06:00 pm
Oggetto:
Citazione:
Qualche dubbio riguardo la verniciatura...


La verniciatura è 'granulosa'... i metallizzati vanno molto diluiti per avere un risultato ottimale!

Anche a me sarebbe piaciuta di più bianca con fregi azzurri.
Eagle - 20 Ott 2013 06:04 pm
Oggetto:
rosso27 ha scritto:
Citazione:
Qualche dubbio riguardo la verniciatura...


La verniciatura è 'granulosa'... i metallizzati vanno molto diluiti per avere un risultato ottimale!

Anche a me sarebbe piaciuta di più bianca con fregi azzurri.



Si Alberto, pensavo proprio a questo, sembra troppo granulosa.

Quanto alla scelta del colore, è soggettiva e forse il committente l'ha voluta grigia metallizzata.
Anche io la preferisco bianca con scritte azzurre comunque, colore della vetturetta originale credo....
lombricoferoce - 20 Ott 2013 08:48 pm
Oggetto:
Veramente io non capisco il motivo di usare il grigio metallizzato come livrea, quando la vettura ripresa in corsa era bianca e idem quella attualmente esposta. Neutral

Questa è una vettura unica nata, vestita e calzata per un motivo preciso, quindi una riproduzione dovrebbe essere pari al vero. Sbaglio?

Che poi il metallizzato all'epoca non esisteva neppure. Le Mercedes da GP degli anni 50 avevano un grigio a grana così fine da dare l'idea del grigio metallizzato ma non era metallizzato vero.

Comunque qui non si tratta che un colore piaccia più di un altro. In questo caso doveva essere bianco.

Servus Mr. Green
Eagle - 21 Ott 2013 02:46 am
Oggetto:
lombricoferoce ha scritto:
Veramente io non capisco il motivo di usare il grigio metallizzato come livrea, quando la vettura ripresa in corsa era bianca e idem quella attualmente esposta. Neutral

Questa è una vettura unica nata, vestita e calzata per un motivo preciso, quindi una riproduzione dovrebbe essere pari al vero. Sbaglio?

Che poi il metallizzato all'epoca non esisteva neppure. Le Mercedes da GP degli anni 50 avevano un grigio a grana così fine da dare l'idea del grigio metallizzato ma non era metallizzato vero.

Comunque qui non si tratta che un colore piaccia più di un altro. In questo caso doveva essere bianco.

Servus Mr. Green




Assolutamente d'accordo con te!
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Powered by phpBB2 Plus based on phpBB