Back to the index page  
  FAQ   Cerca   Lista degli utenti   Gruppi utenti   Calendario   Registrati   Pannello Utente   Messaggi Privati   Login 
  »Portale  »Blog  »Album  »Guestbook  »FlashChat  »Statistiche  »Links
 »Downloads  »Commenti karma  »TopList  »Topics recenti  »Vota Forum

Norihiko Satoh
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina Precedente  1, 2
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Made in Japan
  PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
 
 MessaggioInviato: 29 Mag 2014 03:15 pm  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  ramapao69

Users




Sesso: Sesso:Maschio

Registrato: 22/05/09 23:25
Messaggi: 1101
ramapao69 is offline 







italy

In passato ci sono state già discussioni in merito a certi punti di vista, qui però onestamente sono dalla parte di Piero, sia perchè condivido il contenuto del suo precedente intervento sul modello in questione, sia soprattutto perchè non c'era nessun intento polemico in quello che ha scritto.
Io non faccio polemica se non ce n'è motivo e mi piacerebbe non vederla nemmeno qui visto che non ha ragion d'essere...ok Eagle? Wink
Profilo Messaggio privato Invia email
 
 MessaggioInviato: 29 Mag 2014 03:15 pm Adv
Messaggio
  Adv









 
 MessaggioInviato: 29 Mag 2014 05:52 pm  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  diablo

Site Admin
Site Admin




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 52
Registrato: 27/09/07 20:24
Messaggi: 11325
diablo is offline 

Località: modena
Interessi: modellismo
Impiego: libero professionista
Sito web: http://www.amgmodels.it


italy

Piero, non sei stato per niente polemiche ma, dovresti essere più preciso del perché sono diversi dal resto... Quindi, seguendo questa tua filosofia, la 512 BB Bellancauto che non è stata realizzata da un Jap, in che categoria rientrerebbe?

In merito al discorso che non bisogna trarre conclusioni prima di aver visto un modello, posso dire che Ferrari 308 GTS di Shimona mi convince poco?

Sono d'accordo sulla fedeltà storica, i modelli open/close, le feritoie, ecc...
Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: 29 Mag 2014 06:14 pm  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  piero63

Users




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 56
Registrato: 17/08/08 09:19
Messaggi: 1231
piero63 is offline 







italy

Secondo me la Ferrarella starebbe tranquillamente in mezzo ai giapponesi.
Ma Nicola credo che non abbia nessun problema ad ammettere che il suo modo di lavorare si ispira a quello dei giapponesi. Per il resto intendo la media dei montatori europei, e anche giapponesi se vuoi.
La 308 GTS che non mi aveva convinto assolutamente a Parigi, dopo le modifiche è un modello secondo me molto bello. L'invito a vederlo è sempre valido...
Profilo Messaggio privato Invia email
 
 MessaggioInviato: 02 Giu 2014 03:33 pm  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  diablo

Site Admin
Site Admin




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 52
Registrato: 27/09/07 20:24
Messaggi: 11325
diablo is offline 

Località: modena
Interessi: modellismo
Impiego: libero professionista
Sito web: http://www.amgmodels.it


italy

Riguardo la 512 BB Bellancauto non ho dubbi ... Very Happy

La 308 non ti aveva convinto per alcuni dettagli, ma restava sempre un bel modello (opinione personale) In seguito ho capito che le nuove modifiche erano necessarie ...

Ti ringrazio per l'invito e sarà un piacere vedere le ultime novità ... Wink

P.S. è concesso fare qualche foto?
_________________
Max
Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: 02 Giu 2014 09:22 pm  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  Eagle

Users




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 47
Registrato: 27/09/07 20:49
Messaggi: 5978
Eagle is offline 
Media Voti Post: User is appraised 4.00 out of 5
Località: Torino

Impiego: Art director of myself presso Me and Myself
Sito web: https://www.facebook.c...


italy

piero63 ha scritto:
Non mi sembrava di essere stato polemico.
E in ogni caso ho solo detto che per trarre conclusioni definitive bisogna vedere il modello dal vivo.
E questo l'ho sempre detto.
Di quelli che citi io personalmente non ho visto un Pulido, gli altri li ho visti tutti, dal vero. E questo, anche se ti da fastidio, fa differenza.
Anche Alberto Sarti che in parecchie occasioni era stato molto polemico con i modelli giapponesi una volta vistili dal vero ha ammesso che si tratta di pezzi diversi dal resto.
Questo non vuole dire che uno non possa commentare un modello che non ha visto.
Per me la differenza fondamentale è dire: mi piace o è bello. Un conto è esprimere una preferenza, e un conto è stabilire se una cosa è bella e brutta, senza averla vista.
Un'altra differenza sta nel fatto di aver visto uno Spark, e quindi conoscere lo "stile" del montaggio, e quindi poter esprimere un giudizio sulla base di modelli simili. O anche aver visto un modello di Hayakawa e quindi conoscerne lo stile oppure no... (Per inciso Hayakawa non ha mai montato la 312 T, almeno non risulta dalla biografia...).
Per quanto riguarda il rosso fluorescente io non ho mai, mai detto che sia giusto, quindi vai pure avanti con la polemica...
Quello che volevo dire riguardo alla fedeltà storica è che, soprattutto in modelli diciamo anteguerra è difficile ottenere un equilibrio tra fedeltà storica e modello pulito. Cosa intendo? Se hai mai visto una di queste macchine avrai notato che per esempio le uscite dell'aria di cui spesso si parla sono realizzate sulla macchina in modo assolutamente irregolare. Forse sulle Bugatti o Duesenberg c'era una attenzione particolare al lavoro dei battilastra su questi particolari. Ma sulle macchine da corsa diciamo che erano particolari tirati via.
Allora a questo punto o uno riproduce perfettamente ogni lamiera bitorzoluta fedelmente oppure, e personalmente preferisco questa soluzione, una serie di uscite regolari e pulite. Purtroppo questa seconda soluzione è molto difficile da ottenere.
Personalmente preferisco che il modellista riproduca ciò che riesce, piuttosto che "provi" a riprodurre ogni cosa. Questione di gusti.


Ciao Piero
Scusa se non ho risposto subito ma in questi giorni ero via.
Non volevo assolutamente fare polemica e, se la percepite, chiedo scusa.
Ovviamente osservando dal vivo un modello ci si può fare un'idea più precisa del lavoro svolto (pregi e difetti che siano). Tuttavia con alcuni tipi di foto è possibile capire un modello.
E' vero che nelle foto alla fine risaltano sempre più i difetti ma se un modello è errato storicamente lo possiamo notare sia dal vivo che in foto.
Ho tirato in ballo gli Spark, esagerando di sicuro, ma anche negli Spark è possibile trovare un modello più riuscito di un altro come assemblaggio. Per gli errori, beh essendo fatti in serie o li cannano tutti o nessuno Wink
Come sai mi affascinano le auto d'epoca, quindi mi è capitato spesso di osservarle dal vivo. Ho anche avuto la fortuna di guidarne qualcuna.
E' vero quello che dici sulle feritoie e prese d'aria. Su auto di una certa categoria come Bugatti, Duesenberg o Mercedes sicuramente erano fatte a regola d'arte, quindi i relativi modelli dovrebbero per forza avere delle prese il più regolare e simmetrico possibile.
Tuttavia dobbiamo tener presente la scala. Qui non parliamo di 1/18 ma di 1/43.
Mi spiego meglio. Prendiamo una vettura da corsa anni '20 che dal vivo presenta prese d'aria irregolari.
Questa irregolarità la notiamo osservando la vettura reale ma se la rimpiccioliamo di 43 volte, a mente, molto difficilmente possiamo notare queste irregolarità talmente diventano piccole.
Così, secondo me, è anche per una verniciatura di una GTO, o di un piccolo bollo.
Le Gto, come sai bene, erano auto concepire espressamente per le corse, non andavano per il sottile i battilastra o chi le verniciava. Spesso venivano usati i residui di latte di vernice, anche di colori diversi poi mischiati tutti insieme. Un modello 1/43 di una Gto però lo preferiamo perfetto, non caramelloso come un Bbr ma sicuramente lucido, anche se lucido non era. Riprodurre una piccola sbavatura di vernice o un bollo in scala 1/43 è un non sense secondo me perchè in quella scala non si vedrebbe e se si vedesse lo percepiremmo come una semplice imprecisione di assemblaggio, addirittura sovradimensionata.
Quanto agli errori storici, beh, dipende cosa vuole il collezionista. Personalmente, se dovessi farmi montare la Delage di cui sopra, preferirei farla fare il più possibile fedele storicamente alla gara in cui corse e non vorrei una riproduzione di una vettura restaurata da museo. Certo, per la scarsa documentazione, qualche errore storico sarebbe sicuramente possibile ma pazienza. Al contrario una Gto la preferirei "come uscita dalla concessionaria", ovvero lucida e perfetta.
Poi, la perfezione non esiste, soprattutto in scala 1/43. Ad essere troppo pignoli, il 50% dei pezzi in questa scala risulterebbe sovradimensionata. E' l'insieme che conta, l'armonia generale, l'idea che un modello riesce a esprimere della vettura reale.

Per il resto, la 308 non mi aveva convinto del tutto mentre reputo la 512 BB Bellancauto un autentico gioiello.
Se l'invito è rivolto anche a me ti ringrazio, sarà un vero piacere passare a trovarti e ammirare i tuoi modelli. Parlare di persona evita quello che io definisco "incomprensioni da tastiera" Wink
_________________
https://www.facebook.com/carmodelartfanpage
Profilo Messaggio privato HomePage
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum » Made in Japan

Pagina 2 di 2
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2

Mostra prima i messaggi di:

  

Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





 topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2009
Macinscott 2 by Scott Stubblefield