Back to the index page  
  FAQ   Cerca   Lista degli utenti   Gruppi utenti   Calendario   Registrati   Pannello Utente   Messaggi Privati   Login 
  »Portale  »Blog  »Album  »Guestbook  »FlashChat  »Statistiche  »Links
 »Downloads  »Commenti karma  »TopList  »Topics recenti  »Vota Forum

Restauri parziali e variegati
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina 1, 2, 3, 4  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Area Restauri
  PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
 
 MessaggioInviato: 06 Feb 2017 10:30 am  Restauri parziali e variegati
Descrizione: Ricostruzione di parti mancanti
Rispondi citando
Messaggio
  Marco_Beta

Users




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 44
Registrato: 26/01/17 16:44
Messaggi: 521
Marco_Beta is offline 







italy

Buongiorno a tutti, con questo nuovo Topic ho piacere di illustrarvi il restauro di alcuni modelli che tutto sommato non giacevano in pessime condizioni ma incompleti, vittime di una parte andata persa o eccessivamente deteriorata, per la quale se ne è resa necessaria la ricostruzione, a volte con buoni risultati e altre solamente accettabili però, lo scopo di salvare il modello, è stato sempre raggiunto!
Comincio com una piccola e semplice Renault Juvequatre in latta, della CIJ made in France.
La comprai in un mercatino persa in mezzo ad altre cianfrusaglie che nulla avevano a che fare con il modellismo, le condizioni della carrozzeria erano discrete ma..c'era solo quella! Mancava il fondino con il meccanismo di carica a molla ancorato ad esso e quindi le ruote, quindi avevo tra le mani proprio solo un pezzo di lamiera stampata.
Profilo Messaggio privato
 
 MessaggioInviato: 06 Feb 2017 10:30 am Adv
Messaggio
  Adv












20170205_211134.jpg
 Descrizione:
Il modello a restauro ultimato.
 Dimensione:  61.36 KB
 Visto:  744 Volte

20170205_211134.jpg


 
 MessaggioInviato: 06 Feb 2017 10:33 am  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  Marco_Beta

Users




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 44
Registrato: 26/01/17 16:44
Messaggi: 521
Marco_Beta is offline 







italy

Ho cercato in rete tutte le immagini possibili per capire come era fatto il fondino in latta e come era ancorato il meccanismo di carica a molla, qui sotto un esempio del materiale trovato e che mi ha permesso di realizzare la ricostruzione.


579_005[1].jpg
 Descrizione:
Immagine trovata in rete per capire come realizzare il fondino
 Dimensione:  47.84 KB
 Visto:  743 Volte

579_005[1].jpg


Profilo Messaggio privato
 
 MessaggioInviato: 06 Feb 2017 10:38 am  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  Marco_Beta

Users




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 44
Registrato: 26/01/17 16:44
Messaggi: 521
Marco_Beta is offline 







italy

Una volta trovate tutte le foto necessarie per capire come profilare il fondino e le funzionalità che doveva garantire, oltre che di supporto al meccanismo di carica a molla anche di sterzo, ho realizzato il file del profilo a CAD è mi sono appoggiato a una ditta di taglio lamiere a laser per realizzarlo.


Presentazione standard1.jpg
 Descrizione:
 Dimensione:  92.75 KB
 Visto:  739 Volte

Presentazione standard1.jpg


Profilo Messaggio privato
 
 MessaggioInviato: 06 Feb 2017 10:50 am  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  Marco_Beta

Users




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 44
Registrato: 26/01/17 16:44
Messaggi: 521
Marco_Beta is offline 







italy

A questo punto non mi è rimasto che realizzare il piego attorno le ruotine posteriori, montare un meccanismo di carica a molla simile per forma e dimensioni all'originale seppur modificandolo un po', realizzare lo sterzo fissando l'alberino anteriore con una copiglia ripiegata su una molla e una boccolina di ottone all'interno del fondino.
Le ruote sono state recuperate tra i miei rottami, credo di provenienza Corgi Toys.


20170205_211719.jpg
 Descrizione:
Il dettaglio dello sterzo
 Dimensione:  58.29 KB
 Visto:  736 Volte

20170205_211719.jpg



20170205_211152.jpg
 Descrizione:
Il risultato finale
 Dimensione:  79.97 KB
 Visto:  736 Volte

20170205_211152.jpg


Profilo Messaggio privato
 
 MessaggioInviato: 06 Feb 2017 12:11 pm  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  E_656

Users




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 53
Registrato: 05/09/09 21:48
Messaggi: 2276
E_656 is offline 







italy

Non finirò mai di stupirmi!
Il meccanismo a molla da dove l'hai recuperato? Non deve esser facile: devi trovarne uno che abbia il punto di carica compatibile al foro nella scocca e allo stesso tempo l'assale nella giusta dimensione e posizione...
_________________
Giuseppe
Profilo Messaggio privato
 
 MessaggioInviato: 06 Feb 2017 12:25 pm  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  Marco_Beta

Users




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 44
Registrato: 26/01/17 16:44
Messaggi: 521
Marco_Beta is offline 







italy

Questo invece è un modello di motocicletta della Masudaya, ovviamente made in Japan, versione con a bordo vigile del fuoco. Fa parte di una folta schiera di modelli che furono realizzati in differenti livree come poliziotto, motociclista spostivo, motociclista normale e molte altre varianti ancora, anche a seconda dell'anno di produzione.
Tutte funzionano con due batterie da 1.5 Volt, tramite interruttore posto al di sopra della targa posteriore. Il meccanismo prevede la marcia avanti che si interrompe per far scendere l'uomo dalla moto spostandosi e alzando la gamba, per poi risalire e ripartire, inoltre il faro anteriore è funzionante così come lo sterzo, seppur non interessando il manubrio ma solamente la ruota.
Quando acquistai il mio esemplare era privo del guscio esterno coscia della gamba dotata di meccanismo di sollevamento e di tutta la parte sotto il ginocchio, insomma..aveva un arto tristemente amputato. Era mancante anche del cappello e purtroppo lo è ancora, in attesa di una futura ricostruzione.
Per quanto riguarda la gamba ho invece provveduto alla sua ricostruzione tramite lamierino ricavato da una scatola di Illy Caffè! Ho tagliato il profilo considerando che doveva avere una bordatura e bombatura e ho quindi ribattuto la lamiera con i miei attrezzini, artigianali anch'essi.
Le foto recuperate in rete mi hanno aiutato per replicarne più o meno la fattura originale di stampo mentre per la vernice mi sono arrangiato con quello che avevo, sbiadendo il colore blu con un cotton fioc imbevuto di solvente, per far riemergere il fondo grigio e simulare le pieghe della stoffa, vernice marrone per scarpone e nera per simulare sempre le pieghe.
Devo ammettere che la tinta non combacia ma almeno ora ha dinuovo la sua gamba da sollevare!


20170205_215007.jpg
 Descrizione:
La gamba ricostruita
 Dimensione:  85.47 KB
 Visto:  725 Volte

20170205_215007.jpg



20170205_214746.jpg
 Descrizione:
Giù dalla moto!
 Dimensione:  81.44 KB
 Visto:  725 Volte

20170205_214746.jpg



20170205_214811.jpg
 Descrizione:
In sella!
 Dimensione:  73.01 KB
 Visto:  725 Volte

20170205_214811.jpg


Profilo Messaggio privato
 
 MessaggioInviato: 06 Feb 2017 12:29 pm  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  Marco_Beta

Users




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 44
Registrato: 26/01/17 16:44
Messaggi: 521
Marco_Beta is offline 







italy

Qi sotto il retro della gamba ricostruita e quello di un modello simile, reperito in rete. Anche se non vigile del fuoco, lo stampaggio di fabbrica era comune a tutti i modelli.


20170205_214828.jpg
 Descrizione:
Il retro della gamba ricostruita
 Dimensione:  60.17 KB
 Visto:  722 Volte

20170205_214828.jpg



maxresdefault[1].jpg
 Descrizione:
Il retro della gamba originale, di un modello simile, da foto trovata in rete
 Dimensione:  75.97 KB
 Visto:  722 Volte

maxresdefault[1].jpg


Profilo Messaggio privato
 
 MessaggioInviato: 06 Feb 2017 12:34 pm  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  Marco_Beta

Users




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 44
Registrato: 26/01/17 16:44
Messaggi: 521
Marco_Beta is offline 







italy

Ciao Giuseppe, grazie per apprezzare i miei lavori!
Effettivamente ho faticato un po' a trovare il meccanismo a molla da trapiantare e alla fine ce l'avevo in casa senza saperlo! Ho parecchi modelli della raccolta da edicola dei giocattoli in latta della Paja, alcuni li ho anche doppi e proprio tra questi c'era l'ignaro donatore, se non ricordo male un taxi anni '30!
Profilo Messaggio privato
 
 MessaggioInviato: 06 Feb 2017 12:38 pm  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  Marco_Beta

Users




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 44
Registrato: 26/01/17 16:44
Messaggi: 521
Marco_Beta is offline 







italy

...caspita ora mi sta venendo il dubbio che non sia questo il modello al quale ho trapiantato il meccanismo Paja...forse alla piccola CIJ ho trapiantato quello di una Mercedes made in Japan della polizia, anch'essa doppia o tripla!
Profilo Messaggio privato
 
 MessaggioInviato: 06 Feb 2017 02:06 pm  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  E_656

Users




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 53
Registrato: 05/09/09 21:48
Messaggi: 2276
E_656 is offline 







italy

Infatti, i Paya da edicola mi pare avessero un meccanismo molto semplificato... E molto fragile! Evil or Very Mad
Strabiliante anche la tecnica che hai utilizzato per la gamba del motociclista: come sei riuscito a tagliare il lamierino senza ondularne i bordi? La lattina Illy non è così sottile!
_________________
Giuseppe
Profilo Messaggio privato
 
 MessaggioInviato: 06 Feb 2017 02:37 pm  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  Marco_Beta

Users




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 44
Registrato: 26/01/17 16:44
Messaggi: 521
Marco_Beta is offline 







italy

Purtroppo quando ho fatto il restauro del Masudaya non ho pensato a documentarlo.
Per realizzare i pezzi della gamba ho prima disegnato su carta i due pezzi mancanti, così come sarebbero dovuti essere da finiti, poi ho tracciato attorno ai due profili un costante di mezzo centimetro, in modo da dare materiale per la bombatura e per la bordatura.
Ho quindi iniziato a creare la bombatura con un martello da battilastra, a testa tonda, su un tappeto di gomma, in modo che la lamiera non trovasse una superficie rigida dall'altra parte ma un materiale morbido (non troppo!) che gli permettesse di mantenere la forma bombata. Una volta soddisfatto del risultato ho tagliato per 2/3mm. tutte le zone d'angolo in modo da evitare rotture (angoli negativi) o accumuli (angoli positivi) di lamiera nel bordarla, tramite pinze tonde, martello. Raggiunto dinuovo il risultato desiderato, ho adoperato gli stecchi dei gelati infilati e tagliati di misura, come anima su cui ribattere la bordatura verso l'interno, rifinendo poi dinuovo con le pinze tonde. Il tutto mentre mia moglie mi diceva che sono pazzo!
...in effetti...
Profilo Messaggio privato
 
 MessaggioInviato: 07 Feb 2017 12:11 pm Cool 
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  lombricoferoce

Site Mod
Site Mod





Età: 68
Registrato: 31/10/10 08:40
Messaggi: 8162
lombricoferoce is offline 

Località: Piovarolo di Sopra - Adriatisches Küstenland
Interessi: Modellismo in particolare obsoleti, storia, storia dell'auto, fuoristrada
Impiego: Tecnico software/hardware
Sito web: http://www.munga.it/


NULL

Adoro un certo genere di pazzi. Smile felice


Il matto.JPG
 Descrizione:
 Dimensione:  20.82 KB
 Visto:  680 Volte

Il matto.JPG



_________________

Do I look like a man who can be intimidated?
Φ
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage Skype
 
 MessaggioInviato: 07 Feb 2017 12:24 pm  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  Marco_Beta

Users




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 44
Registrato: 26/01/17 16:44
Messaggi: 521
Marco_Beta is offline 







italy

Very Happy Very Happy Very Happy con una definizione così bella di "matto".. con rammarico, mi accorgo di non esserlo ancora del tutto! Sarebbe comunque bello se tutti ambissimo ad impazzire, per avere un mondo di onesti!
..il giullare qui sopra mi somiglia pure Shocked
Profilo Messaggio privato
 
 MessaggioInviato: 07 Feb 2017 12:39 pm  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  lombricoferoce

Site Mod
Site Mod





Età: 68
Registrato: 31/10/10 08:40
Messaggi: 8162
lombricoferoce is offline 

Località: Piovarolo di Sopra - Adriatisches Küstenland
Interessi: Modellismo in particolare obsoleti, storia, storia dell'auto, fuoristrada
Impiego: Tecnico software/hardware
Sito web: http://www.munga.it/


NULL

Non posso che darti ragione, parlo della palla di fango, che non brulica certo di onesti né di tante altre cose che ci farebbero stare meglio .... per fortuna che ci sono loro ... quelli che tu metti così bene in ordine.

Shalom Very Happy
_________________

Do I look like a man who can be intimidated?
Φ
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage Skype
 
 MessaggioInviato: 07 Feb 2017 12:43 pm  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  Marco_Beta

Users




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 44
Registrato: 26/01/17 16:44
Messaggi: 521
Marco_Beta is offline 







italy

Oggi vi propongo un altro esempio di ricostruzione per una parte danneggiata.
Il modello in oggetto è una Fiat 125 Pocher, nuova nuova mai giocata in quanto fondo di magazzino ma, nonostante questo, danneggiata chissà come.
Il danno consisteva nella ruota anteriore destra staccata a causa del perno di fissaggio a molla rotto, ovviamente di plastica. Ho quindi aperto il modello e preso tutte le misure di quello per l'altra ruota, in modo da poterlo ricostruire, ma come? Dopo aver scartato le ipotesi di ricostruzoine con pezzi di plastica di recupero assemblati e incollati con opportune modifiche, ho optato per sfruttare la tecnologia delle stampanti 3D.
Per prima cosa ho realizzzato con un CAD 3D. (NX) il modello virtuale del pezzo, con superfici 3D.


20141222_234406[1].jpg
 Descrizione:
La Fiat 125 Pocher
 Dimensione:  63.6 KB
 Visto:  671 Volte

20141222_234406[1].jpg



3[1].jpg
 Descrizione:
Il modello virtuale del pezzo danneggiato
 Dimensione:  25.11 KB
 Visto:  671 Volte

3[1].jpg



1[1].jpg
 Descrizione:
Il modello virtuale del pezzo danneggiato
 Dimensione:  23.97 KB
 Visto:  671 Volte

1[1].jpg


Profilo Messaggio privato
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum » Area Restauri

Pagina 1 di 4
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina 1, 2, 3, 4  Successivo

Mostra prima i messaggi di:

  

Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare files da questo forum





 topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2009
Macinscott 2 by Scott Stubblefield