Back to the index page  
  FAQ   Cerca   Lista degli utenti   Gruppi utenti   Calendario   Registrati   Pannello Utente   Messaggi Privati   Login 
  »Portale  »Blog  »Album  »Guestbook  »FlashChat  »Statistiche  »Links
 »Downloads  »Commenti karma  »TopList  »Topics recenti  »Vota Forum

60° Anniversario Corgi Toys
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Off- topic
  PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
 
 MessaggioInviato: 11 Feb 2016 01:59 pm  60° Anniversario Corgi Toys
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  lombricoferoce

Site Mod
Site Mod





Età: 69
Registrato: 31/10/10 08:40
Messaggi: 8145
lombricoferoce is offline 

Località: Piovarolo di Sopra - Adriatisches Küstenland
Interessi: Modellismo in particolare obsoleti, storia, storia dell'auto, fuoristrada
Impiego: Tecnico software/hardware
Sito web: http://www.munga.it/


NULL



In breve:
la Mettoy - Corgi fu un’azienda inglese specializzata in modellini di automobili realizzati in pressofusione.
La Mettoy Company venne fondata nel 1933 a Northampton, in Gran Bretagna, da Philip Ullmann, immigrato tedesco.
L’azienda si mise a competere con la Dinky Toys facente parte della Meccano Ltd di Frank Hornby , produttrice dei treni Hornby.

La Corgi Toys apparve per la prima volta nel luglio 1956 a Swansea, cittadina del Galles, come marchio della Mettoy Playcraft Ltd., ditta fondata nel 1933 in Stimpson Avenue a Northampton, dall’emigrato tedesco Philip Ullmann.
Ullmann aveva una esperienza di 21 anni presso l'impresa germanica di giocattoli Tipp & Co. di Nuremberg (1912-1971). Ben presto fu coadiuvato da Arthur Katz, un altro tedesco nato in Sud Africa, che aveva già lavorato per lui.
Negli anni 40 e 50 la Mettoy produsse una gamma di veicoli pressofusi che, sebbene un po’ rozzi, divennero molto popolari e Ullmann e Katz compresero che ampliare la gamma di auto giocattolo non solo poteva avere successo, ma poteva anche rompere il controllo che la Meccano aveva sul mercato con i suoi Dinky Toys.

Il nome “Corgy Toys” venne scelto da Philip Ullmann e venne preso dalla razza gallese di cani, i Corgi, i preferiti dalla Regina e di riflesso in onore della regione ospite, il Galles.
Oltre a ciò il nome era anche facilmente ricordabile e richiamava il nome del grande rivale, la Dinky Toys. Il logo con il cane Corgi venne scelto per rappresentare la nuova gamma.
La politica iniziale della Corgi Toys includeva l’applicazione di vetri in plastica, che dava ai modelli una maggiore autenticità, che vennero subito riconosciuti come “quelli con le finestre”.
I modelli di auto presi in considerazione erano quelli prodotti all’epoca e quindi ben noti ai “giovani” acquirenti. La neonata impresa creò fino a 6.000 posti di lavoro in un’area con un’alta disoccupazione, a causa del fallimento di molte imprese minerarie locali.

I primi sei modellini ad essere messi in vendita furono tutte riproduzioni di berline: Ford Consul (200/200M), Austin A50 Cambridge (201/201M), Morris Cowley (202/202M), Vauxhall Velox (203/203M), Rover 90 (204/204M), Riley Pathfinder (205/205M) e Hillman Husky (206/206M), furono seguiti da due auto sportive: Austin Healey 100 (300) e Triumph TR2 (301).
Inizialmente tutti i modelli venivano venduti con movimento libero o con motori dotati di frizione, con l’eccezione dei pesanti veicoli commerciali, i quali sarebbero stati troppo voluminosi e le auto sportive che, con le loro basse sospensioni, non erano in grado di ospitarne i meccanismi.
Le versioni meccaniche, venivano indicate con un suffisso M nel numero di catalogo ed erano disponibili in diverse gamme di colori.
Le basi pressofuse dei modelli M, la cui produzione era inferiore ai modelli “normali”, erano più robuste per sopportare il peso extra del motore. A causa di un alto prezzo di acquisto non ebbero molta fortuna e vennero tolte dal commercio agli inizi del 1960.
L’ultimo modello Meccanico fu la Ford Thunderbird (214M).
Oggidì queste versioni sono considerate più appetibili dai collezionisti, a causa della loro relativa rarità.

Tornando ai modellini gli iniziali fondini di stagno furono sostituiti nel tempo con basi pressofuse.

Inizialmente venivano riprodotte solo le auto inglesi ma nel febbraio 1958 venne messa in vendita la prima auto americana: la Studebaker Golden Hawk (211/211M).

Nei primi anni Sessanta la produzione della Corgi venne esportata in modo consistente, in Europa, Australia e Stati Uniti, di conseguenza aumentarono i veicoli stranieri in catalogo. La prima auto europea riprodotta fu la Citroën DS19 nel dicembre 1957 (ref. 210).

I modelli venivano messi in vendita su base mensile e la gamma crebbe velocemente fino ad includere veicoli di tutti i tipi e gradualmente i modelli divennero più sofisticati con l'aggiunta di caratteristiche, come le sospensioni “Glideamatic” , un interno dettagliato, come sulla Renault Floride (ref. 222) nell’ottobre 1959, mentre nell’ottobre 1962 si ebbe il primo sistema di illuminazione in fibra ottica ‘Trans-o-Lite’ sulla Superior Ambulance su base Cadillac (ref. 437).

Il primo tipo di interno era formato da una sottile lastra di acetato stampato a vuoto che dopo tre anni venne sostituito da un tipo “ad iniezione” più dettagliato, che apparve, nel febbraio 1962, per la prima volta sulla caravan di Thames ‘Airborne’ (ref. 420).

L’Aston Martin DB4 (ref. 218) con un cofano apribile, fu il primo modello con aperture, era il febbraio del 1960; fu seguita nell’aprile 1961, dalla Bentley Continental Sports Saloon (ref. 224), che aveva anche le ruote anteriori sterzanti, luci posteriori con rubini e un bagagliaio apribile, che ospitava la ruota di scorta; nell’ottobre del 1963, arrivò la Ghia L6.4 (ref. 241). Questo modello non solo aveva un bagagliaio apribile, ma anche le porte apribili e un interno dettagliato con specchietto retrovisore, sedili anteriori pieghevoli e una riproduzione di un cane Corgi posto sul retro della macchina. La Ghia veniva venduta per 8 scellini e 6 pence, e perfino con tale prezzo relativamente alto ne vennero venduti 1.700.000 esemplari, prima di essere ritirata nel 1969. Ironia della sorte, vennero completati solo sei esemplari reali di questa vettura.

Nel 1964 venne messa sul mercato una gamma di modelli di auto "vintage" molto dettagliati chiamati “Corgi Classics”, erano piuttosto costosi e incontrarono un successo mediocre.
I primi ad essere messi in vendita furono: una Bentley del 1927 (9001), una T Ford aperta del 1915
(9011) e una versione con cofano alzato (9013), un Daimler del 1938 (9021) e una Renault 12/16 del 1911 (9031). Due anni più tardi uscì sul mercato una Rolls Royce Silver Ghost del 1912 (9041); un furgoncino Ford Modello T in livrea Lyons Tea (9014) apparve nel catalogo Corgi del 1967, ma non fu messo mai in vendita. La Corgi Classics finì nel 1969, ma il suo nome fu ripreso nei tardi anni 80.

Gli anni ottanta furono gli anni bui e furono molte le ragioni per il declino della Corgi Toys e di conseguenza dell’intera industria delle auto giocattolo. Non solo dovuti ai cambiamenti dei gusti dei giovani rivolti verso giochi elettronici.
Un grosso peso lo ebbero l’aumento dei costi e la diminuzione dei guadagni ciò significava che non c’erano fondi disponibili per creare gli ingegnosi modellini del passato; oltretutto i modelli erano venduti a migliaia e non a milioni, come negli anni d’oro.

La fine arrivò nel 1983, quando Corgi Toys fu obbligata a chiamare gli amministratori giudiziari, dopo anni di fame, questo accadde dopo solo 3 anni dalla capitolazione della sua più grande rivale: la Dinky Toys.

Nel 1984 nacque la Corgi Toys Ltd che nel 1989 venne rilevata dalla Mattel ; nel 1995, Corgi riconquistò l'indipendenza divenendo la” Corgi Classics Limited” con sede a Leicester. Nel maggio 2008, la Hornby Groups annunciò l'acquisizione della Corgi Classics Limited.
Amen

1_4_2
_________________

Do I look like a man who can be intimidated?
Φ
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage Skype
 
 MessaggioInviato: 11 Feb 2016 01:59 pm Adv
Messaggio
  Adv












CORGI Toys 200 - FORD CONSUL SALOON .jpg
 Descrizione:
 Dimensione:  80.75 KB
 Visto:  1765 Volte

CORGI Toys 200 - FORD CONSUL SALOON .jpg



CORGI Toys 201 - Austin Cambridge.jpg
 Descrizione:
 Dimensione:  46.47 KB
 Visto:  1765 Volte

CORGI Toys 201 - Austin Cambridge.jpg



CORGI Toys 202 - Morris Cowley.jpg
 Descrizione:
 Dimensione:  53.76 KB
 Visto:  1765 Volte

CORGI Toys 202 - Morris Cowley.jpg


 
 MessaggioInviato: 11 Feb 2016 07:10 pm  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  fantasmak

Site Mod
Site Mod




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 68
Registrato: 12/01/11 12:06
Messaggi: 7449
fantasmak is offline 

Località: Piovarolo di Sotto
Interessi: Modellismo Rolls & Bentley, Porsche, sport prototipi ferromodellismo ecc..

Sito web: http://www.museoferrov...


italy

Quelli erano giorni.

Guido
_________________
Così preziosa come il vino,così gratis come la tristezza.... De Andrè
Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: 11 Feb 2016 08:42 pm  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  diablo

Site Admin
Site Admin




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 52
Registrato: 27/09/07 20:24
Messaggi: 11325
diablo is offline 

Località: modena
Interessi: modellismo
Impiego: libero professionista
Sito web: http://www.amgmodels.it


italy

Grazie Corgi Toys!!

Profilo Messaggio privato HomePage
 
 MessaggioInviato: 12 Feb 2016 06:52 pm  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  brown

Site Mod
Site Mod




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 63
Registrato: 09/04/12 11:52
Messaggi: 611
brown is offline 







italy

Questo compleanno...
mi fa impressione Shocked
Sarà mica perchè sono dello stesso anno? Wink
_________________
www.autoclassmagazine.com
Per chi ama le auto di ieri, oggi e domani
Profilo Messaggio privato
 
 MessaggioInviato: 12 Feb 2016 10:07 pm  
Descrizione:
Rispondi citando
Messaggio
  lombricoferoce

Site Mod
Site Mod





Età: 69
Registrato: 31/10/10 08:40
Messaggi: 8145
lombricoferoce is offline 

Località: Piovarolo di Sopra - Adriatisches Küstenland
Interessi: Modellismo in particolare obsoleti, storia, storia dell'auto, fuoristrada
Impiego: Tecnico software/hardware
Sito web: http://www.munga.it/


NULL

Allora auguroni anche a te Very Happy
_________________

Do I look like a man who can be intimidated?
Φ
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage Skype
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum » Off- topic

Pagina 1 di 1
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Mostra prima i messaggi di:

  

Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare files da questo forum





 topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2009
Macinscott 2 by Scott Stubblefield